RAVENNA. Linea dura sulla sicurezza a Porto Fuori. Il questore Russo dopo il Kojak ora mette i sigilli anche al Bar Centrale di via Staggi 30. Una misura estrema decisa per motivi di ordine pubblico e prevista dall’articolo 100 del Tulps (Testo unico leggi pubblica sicurezza). Il bar resterà così chiuso per 15 giorni. Il gestore avrà trenta giorni di tempo per presentare ricorso in prefettura e sessanta per il Tar.
A spingere la questura verso il provvedimento ci sarebbe un corposo fascicolo che vedrebbe il bar come luogo di ritrovo di pregiudicati con alle spalle reati di spaccio, furto, rissa e porto abusivo di armi.

Argomenti:

porto fuori

questore

ravenna

sicurezza

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *