Autorità portuale, Rossi è il nuovo presidente

RAVENNA. Manca solo la ratifica delle Commissioni Trasporti del Parlamento, ma il passaggio più importante è già stato ratificato: il presidente della Regione, Stefano Bonaccini, ha firmato l’accordo con il ministro Delrio per la nomina di Daniele Rossi a nuovo presidente dell’Autorità di Sistema di Ravenna, così come è stata ribattezzata l’ex Autorità portuale. Dopo mesi di attesa e lunghe trattative dunque la poltrona vacante più ambita del porto è stata finalmente riempita con l’accordo sul nome di Rossi.

L’annuncio di Bonaccini è arrivato nella tarda serata di giovedì, al termine del suo intervento all’assemblea di Confindustria Romagna che si è tenuto a Milano Marittima. «Se vogliamo dare competitività al porto a livello internazionale – ha detto Bonaccini – l’escavo dei fondali è fondamentale».

Il curriculum di Daniele Rossi – che è ravennate e vive già in città con la famiglia – comincia con una ricca esperienza nel settore energetico.

E’ stato infatti manager dell’area finanza di Saipem e di Eni Stati Uniti. Il suo nome circa un anno fa circolò anche per la carica di amministratore delegato della Saipem. Un ruolo svolto nella ravennate Rosetti e per la GSP Offshore. Attualmente siede nel cda di Mgm Lines e lavora anche West Africa, azienda del settore della logistica portuale. Nie giorni scorsi il nome di Rossi – supportato anche dal sindaco di Ravenna Michele De Pascale – aveva da subito raccolto il gradimento di Bonaccini. Nella rosa ristretta di candidati erano stati in lizza anche Paolo Baldrati, attuale direttore di Versalis e Luciano Guerrieri in forza come commissario straordinario all’Autorità di Piombino.

Rossi avrà il compito di riportare il sereno all’interno di un’ente che negli ultimi mesi è stato attraversato da diverse polemiche e anche inchieste giudiziarie. L’ultima nei giorni scorsi ha portato all’arresto di un dipendente per stalking nei confronti del commissario straordinario Giuseppe Meli e del segretario generale Davide Margorani. Quest’ultimo confermato nel proprio ruolo da Meli nel periodo di “interregno” seguito alla mancata conferma di Di Marco, a sua volta fresco di nomina come il direttore del terminal crociere di Venezia. Di Marco guiderà una società, la Vtp, a maggioranza privata, con i colossi del settore Msc, Costa, Royal caribbean, più i turchi della Global ports holding pronti ad affiancare il socio pubblico regionale, la Veneto sviluppo.

Commenti

Lascia un commento

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui