IMOLA. È diminuito in maniera significativa il numero delle vittime di incidenti lungo le strade di Imola e degli altri nove comuni del circondario nel corso dei primi nove mesi dello scorso anno. E calano anche i feriti e gli incidenti.

Imola, addirittura, è il primo comune della Città metropolitana di Bologna per le variazioni più significative in valore assoluto, con 28 incidenti, 42 feriti e 5 morti in meno rispetto allo stesso periodo del 2017. Al quarto posto a livello provinciale, Castel San Pietro, con una diminuzione di 31 feriti, 18 incidenti e una vittima.

Gli incidenti mortali

Cinque, complessivamente, gli incidenti mortali avvenuti a Imola e nel circondario: quattro si sono verificati in città (due nel mese di gennaio, uno in quello di marzo e uno a settembre) e uno a Castel Guelfo, nel mese di luglio. In totale si contano ben dieci incidenti mortali in meno rispetto ai primi nove mesi dell’anno precedente: oltre ai cinque di Imola, tre a Medicina, e uno a Dozza e a Castel San Pietro.

I feriti

Sono 447, invece, le persone rimaste ferite: 303 in città (con picchi nei mesi di luglio, 51, e di giugno, 47), 57 a Castel San Pietro, 33 a Dozza, 24 a Medicina, 11 a Castel Guelfo, 7 a Borgo Tossignano, 4 a Fontanelice, 3 a Castel del Rio e a Mordano, e due a Casalfiumanese.

Complessivamente, una diminuzione di 99 feriti, distribuita fra otto sui dieci comuni del Circondario: oltre ai numeri di Imola e di Castel San Pietro già citati, si registrano un -13 a Medicina, un -7 a Castel Guelfo, un -4 a Casalfiumanese e a Mordano, un -2 a Borgo Tossignano e un -1 a Castel del Rio. Dozza è il solo comune in cui i feriti aumentano (+5), mentre a Fontanelice si mantengono stabili.

Gli incidenti

310, infine, gli incidenti avvenuti: 216 a Imola, 36 a Castel San Pietro, 21 a Medicina, 18 a Dozza, 8 a Castel Guelfo, 4 a Borgo Tossignano, 2 a Castel del Rio, a Fontanelice e a Mordano, e 1 a Casalfiumanese. In totale, un calo di sessanta incidenti, in sette comuni su dieci: oltre ai due principali, -6 a Medicina, -5 a Castel Guelfo, -3 a Casalfiumanese e a Mordano, e -2 a Borgo Tossignano.

«La diminuzione dell’incidentalità non si è verificata in tutti i comuni della Città metropolitana», sottolinea il report sull’incidentalità pubblicato ieri dall’Ufficio di statistica di via Zamboni. Una situazione che si è verificata anche nel circondario: Dozza e Castel del Rio i due comuni dove gli incidenti crescono (rispettivamente +4 e +1), mentre a Fontanelice si rimangono stabili.

Argomenti:

calo

imola

incidenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *