IMOLA. Partita spezzata. Non si tratta più e i sindaci del Con.Ami hanno già deciso: si va in tribunale. Di sicuro al Tar. «È il minimo, come forma cautelativa», dice il primo cittadino di Castel San Pietro, Fausto Tinti. Si consulteranno i legali e non sono esclusi passaggi ulteriori.

Il fatto

A scatenare la rivolta è stata la decisione inaspettata della sindaca di Imola, Manuela Sangiorgi, che giovedì pomeriggio, richiamando prima il Testo unico degli enti locali e il codice civile, davanti a una assemblea dei soci del Con.Ami riunita in seconda convocazione, ha nominato il nuovo consiglio di amministrazione scegliendo Luciano Pirazzoli, Giulio Cristofori e Sara Cirone, designando alla presidenza di via Mentana Stefania Forte. Tutto in una seduta piuttosto surreale, con la sindaca a guidare i lavori davanti a poltrone vuote tranne quelle dei due sindaci di Castel del Rio e Castel San Pietro, Alberto Baldazzi e Fausto Tinti (e quello di Sant’Agata sul Santerno, Enea Emiliani, in collegamento telefonico) che non hanno partecipato alla votazione.

La contestazione dei primi cittadini è questa: la seconda convocazione non è prevista dallo statuto e quindi giovedì il numero legale non c’era. Secondo punto: l’articolo 2369 del codice civile, secondo l’interpretazione dei primi cittadini, si applica solo alle società per azioni. Ma i sindaci del consorzio mettono sul tavolo anche un altro aspetto: «Pur ammettendo che si potesse procedere in quel modo, lo statuto del Con.Ami prevede che ogni candidatura sia sottoscritta da almeno cinque sindaci. E nessuno di noi l’ha fatto».

Il futuro

«Ora la politica ha finito – commenta secco il sindaco di Faenza Giovani Maplezzi -. La mediazione democratica è stata abbattuta con quello che a mio avviso è un vilipendio delle istituzioni. Una cosa del genere non si era mai vista. Ora i nostri rapporti con Imola avverranno solo per vie legali. La prima cosa che faremo è una diffida a quei quattro consiglieri nominati dalla sindaca Sangiorgi. Chiunque compirà ogni atto, in caso di decadenza, ne risponderà direttamente. La misura è colma e non escludiamo alcuna azione che possa ricondurre la situazione alla normalità».

Impugnare le nomine al Tar sarà dunque il primo passo. «Valuteremo con i legali anche la strada della Corte dei Conti – aggiungono i sindaci di Castel San Pietro e Medicina, Fausto Tinti e Onelio Rambaldi -. Lo stallo ha provocato mancati investimenti e mancati guadagni. Confidiamo anche nel prefetto: c’è stata totale prevaricazione».

Argomenti:

cda

Con.Ami

consorzio

imola

MANUELA SANGIORGI

sindaci

tar

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *