Un aiuto alle famiglie in difficoltà con le bollette a Imola

IMOLA. Un aiuto alle famiglie in difficoltà sul fronte delle utenze elettriche, gas, teleriscaldamento e acqua. È quanto stabilito nel rinnovato Protocollo, sottoscritto fra l’Azienda Servizi alla Persona (Asp) ed Hera Comm nel 2016, per la definizione di azioni a sostegno delle famiglie in carico ai servizi sociali comunali del circondario. Il piano è finalizzato ad attivare tempestivi ed efficaci interventi di aiuto ai cittadini seguiti dall’Asp e clienti di Hera che si trovino in condizioni socio-economiche di particolare disagio già precedentemente note all’Asp.

Obiettivi dell’accordo

L’obiettivo è prevenire il più possibile l’interruzione delle forniture e il degenerare della situazione debitoria, con un canale di contatto efficace e strutturato tra Asp ed Hera che favorisca il flusso di informazioni utili a monitorare le situazioni di morosità. In base al Protocollo firmato, ad esempio, per evitare l’interruzione o la riduzione del servizio in caso di morosità si hanno 21 giorni per raggiungere un accordo. Se l’Asp interviene con risorse proprie per sanare la situazione il debito potrà essere rateizzato fino a 9 rate, senza interessi. Inoltre non vengono applicati i costi amministrativi di riattivazione dei contratti di fornitura qualora l’accordo per il pagamento, o la rateizzazione, sia raggiunto successivamente alla cessazione del contratto stesso per morosità.

L’accordo avrà validità fino al 31 dicembre 2020 e prevede degli incontri periodici tra Hera e l’Asp per valutare congiuntamente l’operatività del Protocollo ed eventuali azioni di miglioramento. Il pagamento delle utenze o il riallaccio delle stesse rientrano tra le tipologie di interventi sostenuti dai Comuni attraverso l’Asp, per garantire risposta ai bisogni essenziali di famiglie e persone in difficoltà.

I dati del 2017

Nel 2017 l’Asp, anche grazie ai fondi messi a disposizione dal Con.Ami ha elargito 343 contributi a sostegno del pagamento di acqua, luce e gas (in favore di 256 utenti), erogando complessivamente contributi per 92.962 euro circa. (di cui 71.800 sostenuti con risorse Con.Ami). Attualmente sono 124 le famiglie che beneficiano delle agevolazioni previste dal protocollo appena rinnovato, che comunque prevede un costante aggiornamento dei nuclei valutati fragili dal Servizio Sociale.

«L’Asp riconosce la validità dell’accordo con Hera – ha dichiarato la direttrice Stefania Dazzani -. L’Asp ha pertanto il compito di valutare l’appropriatezza e se vi siano le condizioni per una proposta economica ad Hera, sia secondo i termini dell’accordo sia nell’ottica comunque di un patto di responsabilità con le famiglie teso in primis a valorizzarne le capacità e le risorse, in un’ottica di empowerment e non di mero assistenzialismo».

«Grazie a flussi di comunicazione e collaborazione continui con l’Asp, si semplificano e si rendono più efficaci le particolari forme di agevolazione, già operative da alcuni anni, verso i clienti assistiti» afferma Cristian Fabbri, amministratore delegato di Hera Comm, nel ricordare che tutte le agevolazioni disponibili messe in campo da Hera sono raccolte nella guida SOStegno Hera, disponibile agli sportelli oppure on line».

Commenti

Lascia un commento

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui