“Quota 100”, in Romagna 1.100 “papabili”. I numeri provincia per provincia

Saranno 1.150 le persone “quota 100” della Romagna che nei prossimi giorni saranno contattate dal servizio previdenziale della Cisl Romagna per verificare se siano in possesso di tutti i requisiti previsti dalla legge di Bilancio 2019 e se siano interessati a presentare domanda di pensionamento. Nel dettaglio i lavoratori potenzialmente interessati e censiti dal patronato Inas Cisl sono 601 per la provincia di Forlì-Cesena, 350 per Ravenna e 199 per Rimini.

«Ovviamente è un numero relativo solo a coloro che sono iscritti nei nostri archivi – commenta Filippo Pieri, segretario generale Cisl Romagna – quindi il numero totale è ben più ampio, pur restando dentro quello nazionale che oscilla tra 360 o 400mila così come previsti rispettivamente dal Governo e dall’Ufficio Parlamentare di Bilancio. Fino ad oggi gli uffici dell’Inas Cisl non sono stati presi d’assalto – prosegue il segretario – seppur qualche caso specifico si è presentato, ad esempio lavoratori che hanno perso il lavoro, ma avendo 62 anni di età e 38 di contribuzione possono rientrare in “quota 100”».

Commenti

Lascia un commento

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui