A Gedda e Cesena tifiamo per le donne

Stasera si disputa la finale della Supercoppa a Gedda, in Arabia Saudita, tra Juve e Milan. In Italia ci siamo giustamente indignati perché alcuni settori dello stadio sono vietati alle donne, che in Arabia Saudita hanno diritti limitati rispetto agli uomini. Martedì 22 gennaio, a Cesena, si disputa l’amichevole tra le nazionali femminili di Italia e Galles. Forse sarebbe giusto indignarci perché in Italia, nello sport, le donne hanno ancora diritti limitati rispetto agli uomini: il professionismo è solo maschile. Eppure basterebbe modificare la legge n. 91/1981. Il professionismo esteso anche alle calciatrici garantirebbe loro alcuni diritti, come le garanzie previdenziali e pensionistiche, fondamentali per chi dedica anni della propria vita allo sport. A Gedda tifiamo per chi vogliamo e per le donne, a Cesena tifiamo per l’Italia, ma soprattutto tifiamo per il calcio femminile.

Commenti

Lascia un commento

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui