Slitta la Bolkestein, spada di Damocle per il settore balneario. E’ stata infatti raggiunta l’intesa che consente per i prossimi quindici anni di escludere dall’applicazione della direttiva i lavoratori del comparto balneare. “Grazie all’impegno della Lega, in attesa di un approfondimento definitivo, poniamo uno stop importante ad una questione annosa che destava preoccupazione in tanti lavoratori e in tante famiglie circa il futuro di un comparto fondamentale nell’economia del Paese. La nostra attenzione è ora rivolta al settore degli ambulanti, per i quali stiamo lavorando, cercando di inserire le loro rivendicazioni nell’emendamento presentato. Ancora una volta passiamo dalle parole ai fatti, con buonsenso e serenità per fare dell’Italia quel paese moderno che tutti vogliamo” dicono in una nota congiunta i capigruppo della Lega al Senato ed alla Camera, Massimiliano Romeo e Riccardo Molinari. 

E soddisfazione è stata espressa anche dalla Cna che giudica la decisione “un primo importante passo avanti che va nella direzione da noi sempre sostenuta per fornire una risposta positiva a 30.000 imprese turistiche balneari italiane che, per troppo tempo, si sono trovate in una condizione di profondo malessere e di incertezza per il futuro a causa dell’incombente rischio di non ottenere il rinnovo della concessione. Siamo pronti a lavorare al tavolo tecnico promosso dal Governo per arrivare, in modo condiviso con le associazioni delle imprese, ad una soluzione definitiva che consenta la messa a punto di una legge di riforma in grado di restituire piena serenità al futuro di tutto l’attuale comparto, di far ripartire gli investimenti e di creare opportunità per nuove iniziative imprenditoriali su spiagge tuttora disponibili”. 

Argomenti:

15 anni

bolkestein

rinvio

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *