Discoteche: evasi venti milioni di euro

RIMINI. Nove società di gestione delle discoteche sconosciute al fisco: un’evasione fiscale stimata in venti milioni di euro. “A contrasto dell’evasione fiscale sono state concluse dai reparti del Comando Provinciale della Guardia di Finanza di Rimini – si legge in una nota delle fiamme gialle riminesi – le attività di polizia tributaria e giudiziaria avviate nell’ambito dell’operazione denominata “Black dance”, concretizzatasi nella pianificazione ed esecuzione di interventi ispettivi nei confronti di società che hanno gestito, negli ultimi anni, i locali da ballo e di intrattenimento notturno più rinomati della riviera, tuttora attivi nei comuni di Rimini, Riccione e Misano Adriatico”.

I dati

9 società sono risultate completamente sconosciute al Fisco, ossia pur realizzando profitti dall’attività gestita hanno omesso di presentare le dichiarazioni reddituali e versare le imposte dovute. I finanzieri del Gruppo di Rimini e della Tenenza di Cattolica sono comunque riusciti a ricostruire il reale volume d’affari attraverso una serie di riscontri effettuati sulla scorta della frammentata documentazione contabile acquisita nonché utilizzando i dati e le informazioni richieste ed ottenute dalla S.I.A.E. circa le attività di intrattenimento musicale e di spettacolo alla stessa dichiarate dagli operatori sottoposti a verifica fiscale.

Le segnalazioni

Le Fiamme Gialle riminesi sono così pervenute a constatare e segnalare all’Agenzia delle Entrate incassi in nero per oltre 20 milioni con imposte evase complessivamente (in materia di reddito e di IVA) per circa 9 milioni. Il superamento delle soglie di rilevanza penale ha, inoltre, condotto le pattuglie operanti a denunciare all’Autorità Giudiziaria 8 persone per reati tributari e a proporre l’adozione del sequestro di beni patrimoniali per equivalente per il valore delle imposte evase. 

Commenti

Lascia un commento

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui