RIMINI. La ragazza dentro al trolley trovato nel porto aveva 27 anni, era una cittadina della Federazione russa e in Italia aveva ottenuto un regolare permesso di soggiorno. Adesso non ci sono più dubbi sull’identità della donna trovata cadavere, sabato 25 marzo, in una valigia gettata in mare e riaffiorata al porto canale di Rimini. Ora l’inchiesta potrebbe proseguire spedita: secondo i poliziotti della squadra mobile, coordinati dal pm Davide Ercolani, nelle fine della donna potrebbero essere coinvolti sia degli italiani che dei russi. Al momento il fascicolo aperto in Procura è per morte come conseguenza di maltrattamento e distruzione e dispersione di cadavere. La ragazza, residente a Rimini, sarebbe al centro di una vicenda di disagio. Risultano infatti diversi ricoveri, fino a qualche mese fa, in ospedale per anoressia. Il suo corpo, molto esile e denutrito tanto che sarebbe morta di fame, quando è stato trovato era nudo e ripiegato come uno straccio nel trolley blu. 

Argomenti:

cadavere nel trolley

giallo

rimini

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *