Palpano 12enne davanti a scuola, sospesi in quattro

RAVENNA. Bullismo a scuola: a 12 anni, punta il cutter alla gola dei compagni mentre è sul bus di ritorno a casa, e intanto appena fuori dalle Medie del paese in gruppo braccano un’altra 12enne e la palpano. In quattro finiscono sospesi per un totale di 20 giorni, ma la rabbia tra i genitori non si placa e la tensione, nell’istituto, è ormai alle stelle: il caso è finito anche l’altra sera al consiglio di classe e ora le mamme chiedono il presidio delle forze dell’ordine di fronte alle scuole.

Entrambi gli episodi risalgono alle ultime due settimane e riguardano studenti dello stesso istituto. Il primo è stato segnalato da alcuni genitori ai professori e riguardava le minacce subiti da due studenti delle Medie da parte di un loro coetaneo che, a bordo del bus diretti verso casa all’uscita di classe, avrebbe estratto dalla tasca un taglierino e li avrebbe minacciati puntando l’arma al collo dei due. Il caso è stato segnalato al preside che ora sta valutando come intervenire. Il dirigente è già invece intervenuto, con provvedimenti «sanzionatori e formativi», spiega lui stesso, sul secondo episodio segnalato dai genitori e che tanta tensione ha procurato nelle classi coinvolte. La storia è quella di una alunna di 12 anni accerchiata fuori da scuola da un gruppo di compagni, ancora una volta nei minuti di attesa del bus, e palpata. Un episodio doloroso che ha messo subito in allarme la famiglia della ragazzina i cui genitori, sotto choc, sono tornati a scuola per denunciare l’accaduto. Momenti di tensione alle stelle non sono mancati tanto che in diversi sono finiti dal preside e la questione è stata affrontata e discussa anche martedì sera nel corso del consiglio di classe. Il dirigente scolastico, al termine delle segnalazioni ricevute, è intervenuto emettendo quattro sospensioni, nei confronti di altrettanti studenti, per un totale di 20 giorni, ma anche pianificando una serie di controlli e di azioni di monitoraggio delle classi e dei ragazzini coinvolti. Il momento più temuto, da prof e genitori, rimane in quella scuola ancora quel “limbo” di tempo che passa tra l’uscita di classe e l’arrivo dell’autobus che riporta a casa gli studenti: giusto un anno fa un altro episodio sempre davanti a una scuola quando un ragazzino venne spinto alla fermata e finì investito dal mezzo riportando una brutta frattura a un piede. Anche in quel caso, i provvedimenti non si fecero attendere e il preside diede disposizione che gli studenti venissero accompagnati dagli insegnanti fino alla fermata dell’autobus. Ai genitori le misure sembrano non bastare: sono pronti a segnalare gli episodi alle forze dell’ordine e ora chiedono un presidio continuo di fronte alla scuola per contenere gli atteggiamenti violenti.

Commenti

Lascia un commento

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui