RIMINI. Processo Ruby bis. Il processo d’appello è da rifare. La terza sezione della Corte di Cassazione ha annullato con rinvio dopo una lunga camera di consiglio la sentenza di secondo grado della corte d’appello di Milano che lo scorso novembre aveva ridotto da 5 a 3 anni la condanna per favoreggiamento della prostituzione per Nicole Minetti e da 7 a 4 anni e 10 mesi quella dell’ex direttore del Tg4 Emilio Fede. Il procuratore generale della Suprema corte nella sua requisitoria aveva chiesto invece un inasprimento della pena. I giudici con l’ermellino hanno deciso che sarà un’altra sezione della corte d’appello del capoluogo lombardo a doversi pronunciare. Soddisfatto l’avvocato Paolo Righi, difensore di fiducia dell’ex consigliere regionale della Lombardia che con i colleghi aveva chiesto l’annullamento ma con rinvio al tribunale di Monza. La Cassazione ha invece dichiarato inammissibile l’impugnazione della sentenza d’appello da parte del procura generale di Milano.

Argomenti:

Cassazione

nicole minetti

Sentenza

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *