Uffici comunali nella Casa dello sport

FORLI’. Per poter essere la “Casa dello Sport” di fatto e non solo di nome, mancano ancora parecchie tessere da inserire nel mosaico. Una di queste era la rappresentanza istituzionale del mondo sportivo forlivese, ma da ieri questo vuoto è stato colmato: all’Ex-Gil è operativa l’Unita Sport del Comune, trasferitasi dagli uffici del Municipio al piano intermedio dello storico edificio. Quattro stanze nelle quali lavorano il dirigente Alessandro Fossi, tre dipendenti a tempo indeterminato e uno a tempo determinato e nelle quali anche l’assessore allo Sport, Sarà Samorì, si metterà a disposizione per ricevimento tutti i giovedì e ogni mercoledì pomeriggio. Aperti dalle 9 alle 13 dal lunedì al venerdì e il giovedì dalle 15 alle 17, gli uffici al momento stanno ridistribuendo i tesserini per la caccia, ma saranno il fulcro di ogni rapporto tra associazionismo sportivo, cittadini e “Palazzo”. E lo saranno all’interno di un edificio che dal 2009 è stato in gran parte riqualificato, ma che ancora attende importanti interventi.

Museo della ginnastica

Manca ancora il Museo della Ginnastica. Arriverà? «Certo – rassicura l’assessore –. Stiamo lavorando a braccetto con l’ex presidente della Federazione mondiale Ginnastica, Bruno Grandi, per dare vita a un museo didattico, dinamico, interattivo che occuperà le sale al primo piano. Entro la fine del 2018 poseremo il primo allestimento e i costi non sono esorbitanti: non oltre i 150mila euro». Come precisa Fossi, il Comune sta già raccogliendo cimeli e materiali da mattere poi in esposizione. Alcuni li porterà lo stesso Grandi da Roma, altri provengono da una mostra nazionale itinerante, sono già stati acquisiti da Cesenatico e immagazzinati all’Ex-Gil. C’è poi la biblioteca del Coni che andrà al secondo piano assieme agli uffici del Comitato Olimpico e a quelli che potrebbero ospitare le sedi forlivesi delle principali federazioni sportive.

Nuovi investimenti

L’edificio, però, per potersi definire ultimato necessita di ulteriori investimenti che porteranno il totale della spesa sostenuta a 6,9 milioni. Per avere le risorse necessarie (si parla di 2,3 milioni di euro), il Comune ha partecipato a un bando nazionale che attende di essere rifinanziato dal Governo. «Abbiamo inserito, e sono stati giudicati idonei, i progetti per realizzare un auditorium nell’ex cinema Odeon – spiega Alessandro Fossi – per sistemare la striscia verde tra edificio e campo da rugby, riqualificando anche questo e i suoi spogliatoi, per realizzare un parcheggio e un viale di collegamento con via Marconi, sistemare scale, marciapiedi, la recinzione storica, le tribunette dei campi da tennis, demolire due magazzini e, ovviamente, allestire il Museo della Ginnastica».

Commenti

Lascia un commento

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui