Forlì, la pagella non piace al genitore che aggredisce verbalmente la maestra

FORLÌ. Una supplente di scuola elementare si è rivolta al sindacato Uil dopo essere stata aggredita verbalmente la scorsa settimana durante la consegna delle pagelle, da un genitore che non aveva apprezzato il giudizio sul figlio e l’invito a “studiare di più”.

Parole pesanti e accuse di inadeguatezza del metodo di insegnamento sarebbero stati pronunciati con una veemenza tale da scatenare nell’insegnante una vera e propria crisi di panico, tanto da doversi rivolgere al pronto soccorso per essere calmata. “Il genitore – spiega la Uil Scuola di Forlì in una nota – ha inveito contro la donna, apostrofandola con parole lesive della dignità professionale a avanzando generiche minacce su come avrebbe potuto interessare politici e reti televisive”.

Una critica da parte del sindacato viene indirizzata anche alla dirigenza scolastica: “Quello che più ci stupisce – dice ancora dal sindacato nella nota – è come mai i responsabili della scuola abbiano assistito ai fatti come spettatori, a fronte del fatto che l’insegnamento è una funzione, e che non sono assolutamente sindacabili dai genitori le valutazioni degli insegnanti, soprattutto quando portati con metodi simili a quello del padre in questione”. La Uil ha invitato l’insegnante a sporgere denuncia e ora la sta sostenendo attraverso il proprio ufficio legale.

Commenti

Lascia un commento

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui