FORLÌ. Si trova ricoverato con una prognosi di 20 giorni nel reparto di Medicina d’urgenza del “Morgagni Pierantoni” il 15enne ferito accidentalmente dall’amico 14enne con un fucile del padre. Il proiettile calibro 8 lo ha preso di striscio, evitando quella che sarebbe stata una tragedia. Superati i problemi fisici, però, il ragazzino dovrà fare i conti anche una denuncia penale al Tribunale dei minori per porto abusivo di arma, avendo portato il fucile del padre fuori dall’abitazione. Stesso reato per il quale è indagato anche il feritore, che però deve rispondere anche di lesioni colpose. Da valutare la posizione del padre del giovane colpito, titolare regolarmente dei due fucili presi dagli studenti: devono essere valutate le modalità usate per impedire che le armi finissero in mano ad altre persone. Possibile una denuncia per omessa custodia.

L’episodio

Una ragazzata che poteva finire in tragedia quella che si è verificata lunedì pomeriggio in via Barona, a San Tomè. I due ragazzi, finita la scuola a Faenza, sono andati nell’abitazione del nonno del 15enne. A metà pomeriggio hanno pensato di prendere due fucili regolarmente detenuti dal padre del ferito e di uscire per recarsi a una casolare nelle pertinenze della casa, forse per sparare a qualche bersaglio. Secondo quanto ricostruito dai Carabinieri del Nucleo operativo radiomobile e della stazione di Villafranca, il 14enne si sarebbe seduto su una sedia, appoggiando in obliquo l’arma e inavvertitamente avrebbe toccato il grilletto, facendo esplodere il colpo che ha raggiunto di striscio l’amico all’altezza del mento. Alcuni pallini hanno toccato anche un’auto che era parcheggiata all’esterno. Per fortuna, nonostante la breve distanza, il 15enne ha riportato ferite non gravi al volto.

Le indagini

I Carabinieri hanno già ascoltato sia il 14enne sia i primi soccorritori, mentre per la testimonianza del ferito bisognerà attendere che le sue condizioni migliorino visto che ha dei punti poco distante dalla bocca. Passata la paura resteranno le conseguenze con la legge di un gioco che poteva finire in tragedia.

Argomenti:

14enne

15enne

amico

colpo

ferito

Forlì

fucile

indagato

insieme

ospedale

spari

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *