Dosi di cocaina nascoste negli slip: un arresto a Forlì

FORLI’. Le dosi di cocaina erano nascoste nelle parti intime per non essere trovate con facilità, ma a tradirlo è stato il suo nervosismo quando è stato fermato, insieme a un amico, da una pattuglia dei Carabinieri del Nucleo operativo radiomobile. I militari hanno sequestrato sette involucri contenenti circa 6 grammi di cocaina e arrestato un 26enne marocchino, irregolare sul territorio italiano, per detenzione di sostanze stupefacenti ai fini di spaccio.

Il provvedimento

Ieri mattina il giudice del Tribunale di Forlì, Nunzia Castellano, ha convalidato l’arresto e disposto il divieto di dimora a Forlì in attesa del processo a carico dello straniero, rinviato per la richiesta di termini a difesa presentata dall’avvocato difensore.

Fermato in via Bertini

Il controllo dei militari è avvenuto l’altra sera verso le 23 nella zona di via Bertini. La pattuglia ha fermato due stranieri, uno dei quali si è mostrato particolarmente nervoso alle domande dei militari. Nelle sue tasche dei pantaloni sono state trovate molte banconote di piccolo taglio per un valore di circa 1.300 euro. Somma che ha insospettito gli uomini dell’Arma che hanno proceduto a una perquisizione sul giovane: negli slip gli è stato trovato un calzino con all’interno sette involucri che contenevano 6 grammi di cocaina.

La vendita

Secondo le prime ricostruzioni lo straniero avrebbe venduto la sostanza stupefacente negli ultimi giorni a Forlì, anche se lo spacciatore non è residente in città. Una trasferta evidentemente fruttuosa vista la cifra trovata addosso al 26enne. L’uomo che era con lui, invece, è risultato estraneo all’attività di spaccio.

L’evasione

Il controllo dei Carabinieri rientra nell’ambito dell’operazione “Natale sicuro” che dalla vigilia di Natale alla notte scorsa ha portato a due arresti e 4 denunce. Oltre allo spacciatore marocchino, infatti, è finito in carcere anche un 23enne, evaso per ben due volte da una comunità di recupero dove si trovava ristretto ai domiciliari. Già nella mattinata di giovedì il ragazzo aveva lasciato la struttura, per poi presentarsi qualche tempo dopo in caserma, a Villafranca. Riportato in comunità, il 23enne si è però ulteriormente allontanato e questa volta gli stessi carabinieri di Villafranca lo hanno rintracciato in strada. Arrestato per evasione su disposizione del sostituto procuratore Sara Posa, il ragazzo si è presentato ieri davanti al giudice Nunzia Castellano che ha convalidato l’arresto e disposto la custodia cautelare in carcere, oltre a condannarlo alla pena di 5 mesi e 10 giorni.

Il bilancio

Gli ultimi controlli dell’operazione “Natale Sicuro”, disposti dal Comando provinciale Carabinieri di Forlì-Cesena, hanno visto l’impiego di numerose pattuglie, sono stati complessivamente controllati 130 veicoli e ben 235 persone, contestate 25 contravvenzioni al Codice della strada per lo più legate all’uso del telefono cellulare durante la marcia e il mancato uso delle cinture di sicurezza. Nei giorni delle festività natalizie sono stati rilevati, dalle pattuglie, sette sinistri stradali nella città di Forlì di cui quattro con feriti lievi, per lo più causati dall’eccessiva velocità e in violazione di norme di comportamento.

Irregolari e ubriachi

Oltre ai due arrestati il bilancio vede anche 4 denunciati. Nei guai sono finiti un nigeriano 24enne, controllato in centro città, che non aveva al seguito documenti identificativi attestanti la regolare permanenza nel territorio dello Stato; un marocchino 33enne, sottoposto agli arresti domiciliari, che è stato trovato fuori dalla sua abitazione e denunciato per evasione; poi due uomini per guida in stato di ebbrezza, un forlivese 50enne che aveva un tasso alcolico quattro volte superiore al limite consentito e al quale è stata ritirata anche la patente, così come a un 52enne straniero sorpreso con un tasso alcolico due volte superiore al limite consentito.

Commenti

Lascia un commento

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui