Inchiesta della Procura di Forlì, il Conscoop: “Fiduciosi, da 70 anni rispettiamo la legge”

FORLI’. A poche ore dalla conferenza stampa nella quale la Procura di Forlì ha illustrato l’inchiesta che ha visto l’arresto del presidente di Conscoop Mauro Pasolini, quello di un suo ex collaboratore e di un funzionario del Ministero dello sviluppo economico, indagati a vario titolo per estorsione, corruzione, turbata libertà degli incanti e favoreggiamento personale, lo stesso consorzio forlivese comunica in una nota stringata di “avere totale fiducia nella magistratura” e che “continuerà a svolgere la sua attività imprenditoriale nel pieno rispetto della legge come sempre ha fatto nei suoi 70 anni di vita”.

Commenti

Lascia un commento

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui