FORLI’. La Squadra mobile di Forlì  ha dato esecuzione al provvedimento di carcerazione per Kastriot Gjergji, 29 anni, residente a Forlimpopoli, uno dei partecipanti alla sparatoria di Villa selva del 2013 nel quale rimase ferito un connazionale. Lo straniero deve scontare la pena di 10 anni, 8 mesi e 10 giorni di reclusione per i reati di tentato omicidio, porto abusivo d’arma e violenza privata per fatti accaduti nel 2013 a Forlì. In quella circostanza Gjergji oltre ad essere mosso da un “movente” passionale collegato ad una passata relazione della sua attuale compagna agì a volto scoperto esplodendo colpi di arma da fuoco nei confronti del suo connazionale nonché rivale in amore colpendolo al torace e determinandone lesioni a seguito delle quali l’uomo veniva trasportato in ospedale in pericolo di vita, per essere sottoposto ad un intervento chirurgico di asportazione della milza. Secondo una prima ricostruzione i protagonisti della vicenda risultarono due gruppi contrapposti di albanesi composti da 4 e 6 giovani che si erano dati appuntamento per chiarire questioni sentimentali. Tutti i componenti del gruppo si presentarono armati di pistola ed aggredirono la parte offesa che dopo essere stato gettato a terra e preso a calci e pugni veniva attinto da un colpo d’arma da fuoco.  

Argomenti:

carcere

Forlì

sparatoria

Squadra Mobile

tentato omicidio

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *