Tragedia famigliare, uccide la figlia disabile e poi si spara. Gravissimo 73enne

Dramma famigliare questa mattina a Meldola dove, in un condominio nei pressi del cimitero, un 73enne ha ucciso a colpi di pistola figlia disabile 45enne per poi puntarsi l’arma al volto e fare fuoco. Il colpo non è stato letale e l’uomo si trova ora in gravissime condizioni all’ospedale “Bufalini” di Cesena. Sul posto i Carabinieri della Compagnia di Meldola, il comandante provinciale colonnello Luca Politi e il sostituto procuratore Federica Messina. 

Argomenti:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *