I fiumi in piena non fanno paura ma ci sono già danni per milioni

FORLI’. Fiumi in piena da giorni, strade dissestate e frane. Il conto dei danni portati da due settimane di maltempo e neve cresce, raggiungendo cifre milionarie. Ieri gli operai della Provincia, insieme ai Forestali, hanno liberato la strada che da Campigna va alla Calla (da oggi alle 9 è aperta), ma poi sono stati chiamati per una enorme frana sulla provinciale 95 fra Civorio e Ranchio, tutta in territorio civitellese. Strada “murata” e terra ad ostruire parzialmente il flusso del torrente Borello.

I timori

«Il possibile arrivo di piogge massicce si aggiungerebbe ad una situazione difficile, ma senza pericoli – tranquillizza Fausto Pardolesi, del servizio tecnico di bacino –. Il deflusso è regolare e rispetto alla cosiddetta “bomba d’acqua” non crea un disastro improvviso. Certo stiamo parlando di milioni di euro di danni, per alvei fluviali da ripristinare, frane e buche sulle strade. Abbiamo segnalazioni provenienti da ogni dove per smottamenti o alberi ribaltati nei fiumi». Insomma questa due giorni di sole ha fatto respirare un territorio alle corde, anche se poi ha creato un ulteriore problema. «Con il sole si è sciolta parte delle neve caduta e il livello dell’acqua nei fiumi è ancora alto: siamo a 5 metri in pianura, specialmente nel Montone la situazione è da tenere sotto osservazione».

Aiuti necessari

Toccherà alla Regione mettere mano al “portafogli” e aiutare un territorio come l’Appennino forlivese in grande sofferenza. «Sarà concesso lo stato d’emergenza – prosegue Pardolesi – ma le risorse ingenti non basteranno per tutto. Proprio oggi ci sono arrivati finanziamenti per un’emergenza nel Bidente avvenuta nel 2013, erano le rimanenze di precedenti cantieri e sono state concesse per un nostro progetto che era stato fra i primi esclusi. Questo per dire che i tempi per avere le risorse possono essere anche lunghi, ma vedremo di fare il possibile».

Emergenza

La frana lungo la Sp95 fra Ranchio, nel Cesenate, e Civorio, nel territorio di Civitella è un problema che infierisce su una zona in cui, proprio giovedì, il sindaco Claudio Milandri aveva chiuso la strada comunale alternativa, quella di Petrella. «È una frana enorme – racconta il vice sindaco Paolo Baldoni – ed anche se è di competenza della Provincia interessa la comunità civitellese di Civorio. Cercheremo di riaprire in tempi brevi lo stradino di Petrella». Intanto ieri la strada per Campigna è stata riaperta. «Domani (questa mattina ndr) alle 9 potrà essere percorsa», afferma Davide Navacchi referente locale della Provincia. Impianti sciistici ovviamente aperti.

Commenti

Lascia un commento

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui