Un sito e una campagna per promuovere gli ecobus regionali

Per far conoscere le agevolazioni per l’acquisto di auto e veicoli commerciali ecologici la Regione ha avviato una campagna di comunicazione per promuovere il nuovo bando sugli ecobonus con anche una pagina web dedicata nella quale trovare tutte le informazioni necessarie e le piattaforme attraverso le quali richiedere e ottenere i contributi (www.regione.emilia-romagna.it/mobilitasostenibile). La campagna si svilupperà attraverso i mezzi di informazione, il web e i social e punta a informare cittadini e utenti anche sulle altre misure per la mobilità sostenibile, avviate o rinnovate di recente e tuttora disponibili: gli ecobonus, da 4 a 10mila euro, per il ricambio di veicoli commerciali, il rimborso di 191 euro l’anno, per tre anni, pari al bollo auto, per chi acquista un’auto ibrida nuova nel 2019, l’integrazione tariffaria treno-bus per la quale chi si abbona al sistema ferroviario regionale viaggia gratis un autobus in 13 città dell’Emilia-Romagna.

La procedura per la richiesta di contributo si articola in tre fasi, entrambe gestite on line attraverso un applicativo che sarà reso disponibile, dal 15 febbraio, nell’apposita pagina web predisposta sul sito della Regione. Per accedere all’applicativo regionale è necessario ottenere le credenziali informatiche attraverso i sistemi di identità digitale Federa (www.federazione.lepida.it) oppure Spid (http://www.spid.gov.it/richiedi-spid).

Prima di tutto bisogna prenotare on-line il proprio contributo collegandosi all’applicativo a partire dalle 9 del 15 febbraio fino alle 14 del 24 maggio prossimo. Il sistema genererà in automatico un messaggio d’avvenuta ricezione, con l’indicazione del numero progressivo della richiesta. Le “prenotazioni” di contributo saranno acquisite in automatico fino ad esaurimento del plafond disponibile di 5 milioni di euro, più il 10% dell’importo. Quelle pervenute a plafond già esaurito saranno parcheggiate in una sorta di “lista d’attesa”, con la possibilità di essere comunque ammesse a fronte dello stanziamento di ulteriori risorse finanziarie o per effetto di rinunce e revoche.

I proprietari di autoveicoli con richiesta accettata saranno ammessi alla fase 2: avranno tempo dalle dal 15 marzo al 31 maggio 2019 per presentare l’ordine di acquisto del veicolo. La fase 3, che dura fino alle 14 del 31 ottobre, riguarda la rendicontazione della spesa sostenuta, da effettuare sempre attraverso il portale regionale allegando la necessaria documentazione: la fattura di acquisto e la copia del libretto di circolazione del nuovo veicolo, oltre al certificato di rottamazione del vecchio mezzo.

La graduatoria dei soggetti beneficiari sarà stilata secondo l’ordine di arrivo delle prenotazioni on line, fino ad esaurimento del plafond disponibile Per verificare la congruenza dei dati riportati nelle richieste di contributo l’istruttoria delle domande si avvarrà dell’utilizzo di banche dati regionali. Le dichiarazioni non verificabili con l’ausilio delle banche dati saranno oggetto di più approfonditi controlli a campione.

Per quanto riguarda il bando rottamazione veicoli commerciali, in due mesi sono già arrivate 331 domande di contributo; all’1 febbraio scorso si erano registrate 90 “prenotazioni” a Bologna, 60 a Parma, 42 a Rimini, 31 a Forlì-Cesena e a Modena, 30 a Ravenna, 21 a Reggio Emilia, 10 a Ferrara e a Piacenza. Nella lista compaiono anche le Province di Milano (3) e Lucca (2) e Cremona (1), perché gli incentivi sono aperti alle ditte con sede legale in Emilia-Romagna, anche se operano fuori regione.

Commenti

Lascia un commento

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui