Pali dell’illuminazione “intelligenti” presentati a Ecomondo a Rimini

RIMINI. Verona è la prima città italiana ad adottare, dal prossimo dicembre, pali d’illuminazione intelligenti. Ad annunciarlo è Michele Croce, presidente della multiutility cittadina Agsm spa, invitato dal gruppo Scania per esporre l’esperienza della città veneta a Ecomondo, l’esposizione sulle green technologies in corso a Rimini.  “Agsm inaugura un progetto pilota su Verona: dal prossimo mese inizieremo a installare i primi pali di illuminazione intelligenti, riuscendo, con un certo orgoglio, ad anticipare anche un colosso come Enel”. Michele Croce ha illustrato la grande innovazione nell’infrastruttura per la mobilità elettrica scaligera durante la tavola di confronto con altri due grandi attori ed eccellenze italiane del settore: il presidente di A35 Brebemi, Francesco Bettoni e l’Head of E-Mobility di Enel, Alberto Piglia. Nel sistema della città, in particolare nelle città d’arte, come è Verona e di cui l’Italia è piena, si può dunque progettare un sistema che non sia una semplice proliferazione di nuove colonnine per la ricarica dei veicoli elettrici, ma che possa utilizzare al meglio una infrastruttura già presente, come i pali dell’illuminazione, che a Verona sono circa 39.000. “A questa infrastruttura già presente, si possono aggiungere servizi come: controlli di sicurezza tramite la videosorveglianza, accesso alla rete wi-fi urbano gratuito, la gestione dei parcheggi – ha aggiunto il presidente di Agsm spa – e, ovviamente, i punti di attacco per la ricarca veloce (22Kw) dei veicoli elettrici”.

Commenti

Lascia un commento

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui