FORLI’. «Il mercato rischia di non recepire più i prodotti della raccolta differenziata, a cominciare da plastica e carta, con paesi come la Cina che hanno fortemente ridimensionato l’importazione. Mentre gli impianti di trattamento, discariche e inceneritori, sono a rischio saturazione. È un combinato disposto che rischia, se non affrontato per tempo e con modalità adeguate, di trasformarsi in un problema serio per la nostra Regione». Così il direttore generale di Legacoop Romagna, Mario Mazzotti, concludendo un incontro organizzato dall’associazione regionale sul problema. «Come cooperative e consorzi abbiamo contribuito a sviluppare una rete di impianti che porta al riciclo il 90% del materiale raccolto, nell’ambito di una buona politica di industrializzazione del ciclo dei rifiuti speciali, a conferma che la sostenibilità ambientale è il nostro obiettivo. Un lavoro che rischia di essere compromesso», aggiunge il presidente di Legacoop Romagna, Guglielmo Russo.

Per questo Legacoop regionale intende porre direttamente la questione alla Regione, all’ANCI, ai Comuni e al tavolo dell’imprenditoria regionale. È prevista la creazione di un osservatorio per monitorare l’evoluzione della situazione, raccogliendo anche l’adesione di Confservizi, Utilitalia e coloro che intenderanno lavorare su questo versante. Questo è quanto emerso nella riunione regionale svoltasi a Bologna a cui hanno partecipato le imprese cooperative aderenti a Legacoop.impegnate nel settore. Erano presenti Filippo Brandolini, Vice Presidente di Utilitalia con delega all’Ambiente, Luigi Castagna, Presidente di Confservizi Emilia-Romagna, Simone Gamberini, direttore di Legacoop Bologna e Alberto Armuzzi, Presidente del Comitato regionale dell’Emilia-Romagna di Legacoop Produzione e Servizi.

Argomenti:

Forlì

guglielmo russo

Legacoop

raccolta differenziata

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *