RIMINI.  C’è anche l’incunabolo gambalunghiano del “De Re Militari” di Roberto Valturio, nella traduzione italiana di Paolo Ramusio (1483), tra le opere della mostra organizzata a Roma per le celebrazioni dei cinquecento anni dalla morte di Leonardo da Vinci che si è inaugurata a Roma alle Scuderie del Quirinale. L’opera, stampata nel 1472, è custodita nella Biblioteca civica Gambalunga. Il  De re militari fu scritto tra il 1446 e il 1455 da Roberto Valturio, tra le figure di spicco che resero unica la corte di Sigismondo Pandolfo Malatesta. Fu dedicato a Sigismondo, illustrandone le caratteristiche di grande condottiero, con il corredo di splendide xilografie che rappresentano le macchine da guerra e le tecniche d’assedio, che tanto hanno suggestionato il genio di Leonardo da divenire parte della mostra a lui dedicata.

Argomenti:

gambalunga

leonardo da vinci

rimini

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *