IMOLA. Riprende questa sera con due grandi musicisti, il violoncellista veneto Mario Brunello e il pianista riminese Enrico Pace, la stagione “Talenti e grandi interpreti” curata dall’Accademia pianistica di Imola.

Il concerto – in programma alle 20.30 nella sala Mariele Ventre di Palazzo Monsignani – proporrà la “Sonata in mi minore op.38” di Brahms e la “Sonata in fa maggiore op. 6” di Strauss.

Mario Brunello nel 1986 è stato il primo artista italiano a vincere il Concorso ČCaikovskij di Mosca, vittoria che lo ha proiettato sulla scena internazionale. Invitato dalle più prestigiose orchestre, dal 1994 si presenta anche nella doppia veste di direttore e solista. Attraverso un lavoro di ricerca si avvicina al pubblico con un’idea diversa e multiforme del far musica suonando il suo prezioso violoncello Maggini dei primi del Seicento appartenuto a Franco Rossi.

Il romagnolo Enrico Pace ha invece studiato con il maestro Franco Scala all’Accademia di Imola dove ora è docente. Nel 1989 ha vinto il primo premio al Concorso internazionale Franz Liszt di Utrecht e da allora si esibisce regolarmente sia come solista – collaborando con numerose orchestre sinfoniche – sia in formazione cameristica con violinisti del calibro di Frank Peter Zimmermann e Leonidas Kavakos.

Per accedere ai concerti della stagione (tutti gratuiti) è necessario registrarsi e prenotarsi (anche scrivendo a eventi@accademiapianistica.org), ritirando la tessera.

Info: 0542 30802

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *