Spettacolo e arte, da Ravenna parte la caccia ai talenti romagnoli

RAVENNA. Non si tratta un concorso a premi e neppure di un’audizione per creare il cast per uno spettacolo, ma di un censimento per trovare le giovani energie creative del territorio romagnolo. E per dare consigli e suggerimenti a talenti che vanno dagli otto ai 18 anni. E’ l’iniziativa, lanciata due anni fa dalla presidente del Ravenna Festival, Cristina Muti, che si replica anche quest’anno fino al 18 aprile. Non ci sono esclusioni o limiti alle discipline artistiche presentate né ai contenuti, sempre liberamente scelti dai partecipanti: sono ammesse le arti dello spettacolo (senza distinzione né esclusione di generi), ma anche arti multimediali e discipline sportive, purché contemplino una componente artistica. Non sono previste preselezioni e sarà ammesso anche chi ha già partecipato nel 2017 e 2018, in questo caso anche se ha superato i 18 anni.
Anche quest’anno sara’ il Teatro Alighieri a ospitare i giovani talenti ai quali cui verrà offerta la possibilità di rispondere a una chiamata che è un segnale di apertura, uno stimolo all’impegno e alla creatività. Il percorso di incontri, che si terranno quest’anno tra il 20 e il 24 maggio sarà accessibile senza preselezione in ordine di iscrizione fino a un massimo di 200 partecipanti. Le iscrizioni, esclusivamente via e-mail, saranno aperte fino a giovedì 18 aprile, con il solo limite dell’età (dagli 8 ai 18 anni, ma chi ha già partecipato nel 2017 e/o 2018 sarà ammesso anche se maggiorenne). Possono partecipare singoli e gruppi fino a cinque persone. A presiedere la commissione sarà Cristina Muti, affiancata dalla Direzione del Festival. Il modulo di iscrizione e’ scaricabile dal sito www.ravennafestival.org.

Commenti

Lascia un commento

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui