Rottweiler in libertà paura tra la gente

FAENZA. Nella notte fra mercoledì e giovedì i carabinieri sono intervenuti a seguito delle segnalazioni al 112 di alcuni residenti allarmati dalla presenza di due cani di grossa taglia che si aggiravano nella zona di via Filanda Nuova. I militari dell’arma con non poca fatica sono riusciti a “spingere” i due animali fino all’area di sgambamento che si trova in via Medaglie d’oro, in attesa dell’arrivo dell’accalappiacani.

Lasciati incustoditi

Gli animali, un maschio e una femmina, adulti di razza rottweiler, quasi sicuramente si erano allontanati dopo essere stati lasciati incustoditi dal proprietario visto che avevano il collare.

Pertanto i carabinieri hanno chiesto l’intervento di personale del servizio veterinario comunale per prenderli e portarli al sicuro, in attesa di rintracciare il loro padrone. Prima dell’arrivo dell’accalappiacani, però, i due carabinieri del radiomobile hanno avuto il loro bel da fare gestire i due animali che, in assenza del padrone, non si sono dimostrati affatto amichevoli nei confronti dei due uomini in divisa.

Pericoli per la gente

I militari, vista la vicinanza fra via Filanda Nuova e via Medaglie d’oro dove c’è un’area di sgambamento per cani, hanno pensato bene di indirizzare i due rottweiler in quella direzione per evitare che potessero creare pericolo per la pubblica incolumità oppure spaventare qualche passante, considerate le loro dimensioni e il loro aspetto poco rassicurante.

Ringhi pericolosi

La paziente opera di “convincimento” dei carabinieri, però, è durata a lungo: infatti non è stato affatto semplice gestire i due i due rottweiler che hanno più volte cambiato direzione e soprattutto, ad ogni tentativo degli uomini dell’Arma di avvicinarli per obbligarli a seguire la direzione giusta, i cani si ribellavano ringhiando e mostrando i denti in modo minaccioso.

Catturati

Alla fine ci sono volute quasi due ore per far arrivare i due animali all’area di sgambamento, dove i carabinieri sono riusciti a farli entrare nel recinto facilitando così il successivo recupero del personale addetto. I rottweiler sono stati quindi affidati al canile comunale in attesa di risalire all’identità del legittimo proprietario, il quale rischia una denuncia per omessa custodia

Commenti

Lascia un commento

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui