CESENA. Aveva rapinato in stazione, lo scorso 22 dicembre, il telefonino ad un coetaneo. Con un atto di violenza e bullismo consumato con la complicità di un terzo minorenne. Quel telefonino rubato, usato poi per scattare e scattarsi tante foto, gli è stato fatale: l’account d’archiviazione del vecchio proprietario registrava anche le nuove foto. Così il rapinatore è stato visto bene in faccia e ieri pomeriggio riconosciuto dalla vittima alla stazione ferroviaria. Vittima che ha chiamato il 113 e lo ha fatto bloccare.

Argomenti:

bullismo

foto

selfie

telefonino

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *