CESENA. Sabato 16 febbraio potrebbe scattare l’E45-day. Un giorno di protesta tangibile in strada, anzi in superstrada, organizzato dai sindaci con il coinvolgimento delle associazioni delle imprese e dei sindacati. A suonare la carica sono gli amministratori comunali dell’Unione Valle Savio, che comprende Cesena, Montiano, Mercato Saraceno, Sarsina, Bagno di Romagna e Verghereto, assieme ai colleghi dell’Unione Valtiberina Toscana e a quelli dell’Alto Tevere Umbro. In quello che sarebbe il trentesimo giorno di chiusura del famigerato viadotto Puleto, i primi cittadini sono pronti a darsi appuntamento alle 11.30 nell’area di servizio a Canili. Due gli obiettivi del presidio: da una parte, sollecitare i lavori per riaprire l’arteria stradale e anche per rendere finalmente percorribile l’alternativa (la ex Statale 3-bis Tiberina), dall’altra attivare aiuti straordinari per chi ha subito danni diretti dal disastro. Destinatario della protesta: il Governo, al quale si rimproverano troppi silenzi e scarsa operatività, dopo gli iniziali segnali di disponibilità del ministro Toninelli.

Tutti i dettagli nel Corriere Romagna in edicola.

Argomenti:

cesena

e45

protesta

sindaci

strada

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *