Cesena, Ferrini pronto alle primarie se nascerà una forza civica

CESENA. Se si formerà una «lista di cittadini che possa superare etichette e simboli», Luca Ferrini è pronto ad accettare la sfida delle primarie con Enzo Lattuca. Con un obiettivo chiaro: confrontarsi in modo franco e leale con il candidato del Pd, per dare poi vita a una coalizione capace di respingere con una proposta fresca e credibile l’assalto del centrodestra a trazione leghista da una parte e del Movimento 5 Stelle dall’altra.

In mezzo a tanti incontri tra le varie forze politiche che si stanno svolgendo sotto traccia in queste settimane, l’avvocato ed ex consigliere comunale del Pri prova a movimentare il quadro e lo fa a viso aperto. In vista del lancio della campagna elettorale che decollerà dopo l’Epifania e accompagnerà i cesenati fino alle elezioni del prossimo giugno, propone una rotta chiara da seguire: una gara di idee per la città, che possa segnare un’autentica svolta, stimolando anche il Pd e il suo candidato in pectore.

Sostegno e sfida a Lattuca

Ferrini premette che «Enzo Lattuca è persona seria e competente, che mi sento personalmente di sostenere come prossimo sindaco di Cesena. Per questo ho sentito il dovere di chiedergli un passo necessario: un segnale concreto di discontinuità rispetto alla giunta uscente. È finito un ciclo e c’è il pericolo che se ne apra un altro targato 5 Stelle o Lega. Se si vuole scongiurarlo, bisogna innovare, visto che l’uso del termine rottamare non piace a Lattuca».

E allora ecco che arriva il sasso lanciato nello stagno, alla luce delle dichiarazioni che il candidato Pd ha fatto sulle pagine del “Corriere di Cesena”, in risposta proprio a stimoli che Ferrini gli aveva rivolto: «Lattuca si è detto pronto ad una sfida per la guida della coalizione. Penso che farebbe bene a tutti: a lui, al suo partito, agli alleati. Stare tra la gente e costruire un’idea nuova di città, dalla periferia al centro, sarebbe un toccasana per riavvicinare popolo e politica. Ha detto anche che sarebbe pronto a sfidarmi personalmente. Sarebbe un onore confrontarmi in un duello politico con lui. Sono sicuro che sarebbe un duello leale e denso di argomenti».

Una nuova forza civica

Però bisognerà vedere se ci sono le condizioni per farlo, e bisognerà farlo in fretta, perché il tempo stringe: «Perché io possa raccogliere il guanto della sfida – spiega Ferrini – una cosa è imprescindibile: dovrà velocemente sorgere un soggetto politico nuovo e diverso dagli attuali, che raggruppi, attorno ad una figura e ad un programma, le forze interessate a voltare pagina senza confondersi nel Pd, ma anche a non lasciare Cesena in mano a demagoghi improvvisati. Una lista di cittadini preparati e appassionati, provenienti dal lavoro e dalle professioni, come dalla buona politica, che possa superare etichette e simboli, a cui tanto teniamo ma che contano sempre di meno e, anzi, talvolta, sono solo zavorra. Se questo soggetto nascerà e se gli amici me lo chiederanno, sono pronto a sfidare Enzo Lattuca. Accettando di buon grado anche una sconfitta da un combattente come lui. Chi è d’accordo batta un colpo».

Commenti

Lascia un commento

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui