Controlli nelle colonie abbandonate a Cesenatico, allontanato il clochard di piazza delle Conserve

CESENATICO. Come programmato, Polizia locale e Arma dei carabinieri hanno effettuato controlli nelle colonie abbandonate a Cesenatico Ponente, dove a fine novembre era stato trovato senza vita un migrante, morto a causa del freddo e degli stenti. Rifugio di senzatetto e anche di sbandati e spacciatori, gli edifici sono stati ispezionati uno a uno anche con l’ausilio delle unità cinofile.

Nella colonia San Francesco è stato identificato un cittadino nigeriano invitato a presentarsi alla Questura di Ravenna dove risulta domiciliato per regolarizzare la propria posizione di status di rifugiato dopo che lo stesso aveva proposto ricorso al rigetto della sua istanza. Alla colonia Leone XIII sono invece state individuate sei persone, tutte in regola con i documenti, sono state messe in contatto con la Caritas di Cesenatico per fornire loro assistenza. Ad una di queste, è stato notificato un provvedimento di daspo emesso dalla Questura di Oristano. Alla Colonia Santarcangiolese e alla Colonia Perugia non era presente nessuno.

Nel corso dell’intervento è stato inoltre identificato l’algerino che dorme in piazza delle Conserve; dopo aver preso contatti con l’ufficio immigrazione dalla Questura di Forlì, la Prefettura ha emesso nei suoi confronti un provvedimento, subito notificatogli, di rimpatrio immediato con allontanamento dall’Italia e l’obbligo di non tornare nel territorio nazionale prima che siano trascorsi cinque anni. 

Soddisfatto dell’operazione il sindaco di Cesenatico, Matteo Gozzoli: “Mi corre l’obbligo di ringraziare le forze dell’ordine per il lavoro svolto che dimostra che stiamo monitorando il territorio e le zone più a rischio, al fine di evitare altre tragedie come quella di Obinna e di risolvere, con gli strumenti normativi a disposizione, la questione della presenza di clochard in piazza
del Conserve. I controlli continueranno; sono previsti, infatti, turni notturni già da lunedì prossimo e
daremo conto degli esiti”.

Commenti

Lascia un commento

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui