La Biblioteca Malatestiana si apre ai matrimoni

CESENA. Dirsi “sì” nella suggestiva cornice della Sala lignea della Biblioteca Malatestiana. Oltre a Villa Silvia e alla Rocca Malatestiana, il Comune di Cesena ha messo a disposizione un nuovo spazio per i matrimoni civili, andando così incontro alle richieste di alcuni cittadini che potranno sfruttarla come location per le nozze pagando 300 euro (stesso costo degli altri spazi esterni al Palazzo comunale) a copertura dei costi di allestimento, custodia e pulizia della Sala. Durante la cerimonia sarà consentito effettuare fotografie solo all’interno della Sala, non nelle altre zone dell’Area monumentale, come l’Aula del Nuti, la Biblioteca Piana e l’ingresso all’Aula del Nuti. La Sala Lignea della Biblioteca Malatestiana ha una capienza di 40 posti, risale al 1804 e fu concepita strutturalmente dall’architetto Leandro Marconi per ospitare i libri provenienti dagli Ordini religiosi soppressi, per poi essere trasformata in sala di lettura nel 1868, quando fu arricchita di un portale cinquecentesco proveniente dalla Basilica del Monte. “È innegabile – spiegano il sindaco Paolo Lucchi, l’assessore alla cultura Christian Castorri e l’assessore ai Servizi demografici Lorenzo Zammarchi- che la Sala Lignea abbia un fascino del tutto particolare e ben si addica a fare da cornice a un momento speciale come quello del matrimonio. E siamo inoltre convinti che questa scelta contribuirà a valorizzare ulteriormente anche la Biblioteca Malatestiana”.

Commenti

Lascia un commento

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui