Dai telefonini all’arrotino. I ladri non si fermano. «Più presenza di forze dell’ordine e contributi per gli allarmi»

SAVIGNANO. Altre spaccate: non si ferma l’ondata dei furti. Anche nella notte tra giovedì e venerdì danni notevoli a 3 attività commerciali del centro storico.

Maxi colpo al Centro Tim

Il colpo che ha fruttato un ricco bottino è stato quello al Centro Tim di via Battisti, a due passi dal semaforo sulla via Emilia. I malavitosi sono entrati dal retro, dove c’è una corte accessibile. Probabilmente avevano eseguito sopralluoghi e preparato il colpo nei dettagli. Una volta sfondata la vetrata, con l’allarme che suonava all’impazzata, il gruppo di malviventi ha fatto saltare le chiusure alle ante e arraffato i costosi cellulari. Hanno agito in velocità e poi si sono dileguati. «Alle 3 e mezza è scattato l’allarme alla rottura della porta sul retro – conferma Fabio, il titolare del negozio di telefonia – ma i ladri sono entrati ugualmente e sono andati dritti alle vetrine chiuse a chiave e con all’interno i cellulari. Le hanno forzate aggiungendo altri danni. La conta dei danni totale è ancora in corso, ma tra cellulari rubati, danni da riparare alle strutture interne ed esterne, si può arrivare anche a 20mila euro».

Ancora al Bar Galleria

Il bar Galleria è l’attività economica più tartassata. Dal 30 dicembre sono ben 4 gli episodi delinquenziali patiti: tre con furto e spaccata, uno solo tentato senza intrusione. Tra giovedì e venerdì notte hanno forzato un ingresso e una volta dentro hanno demolito le slot machine e buttato tutta all’aria. «Non se ne può più: 4 furti in 25 giorni – dicono i titolari Andrea e Davide – la notte prima hanno provato a forzare l’ingresso senza riuscire a entrare per gli urli di una signora che li ha sentiti. Stavolta hanno usato un piede di porco e sono riusciti a entrare. Hanno rotto le macchinette che erano quasi vuote. Basta, oramai qui è uno schifo. Abitiamo poco lontano e di notte non dormiamo più: a ogni rumore sussultiamo pensando al peggio. Ci sentiamo abbandonati dalle istituzioni. Non abbiamo più nulla da farci rubare, cosa dobbiamo fare per far cessare questa serie infinita di furti e danni?».

Storico arrotino

Girato l’angolo, nella stessa galleria, c’è uno storico arrotino. Qui hanno alzato una serranda, poi forzato e piegato la porta di entrata. «Per alzare la serranda occorre la forza almeno di due persone e fa un rumore notevole – spiega Luca, l’artigiano che vi lavora – dentro al negozio non tengo denaro, se non un centinaio di euro per i resti che ovviamente è sparito. Hanno aperto il registratore di cassa e rovistato nei cassetti. L’attività, passata di padre in figlio, risale ad oltre 80 anni fa. Mai si ricorda un furto».

Commenti

Lascia un commento

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui