Nel trasporto pubblico locale Cesenatico ha il voto più basso

Indagine-sondaggio estivo 2021 sul trasporto pubblico locale: Cesenatico lungo la costa romagnola ottiene dai viaggiatori i voti più bassi. Anche se sufficienti, con un voto medio di 6,7 rispetto al 7,3 della costa ravennate e al 7,5 di quella riminese. Sono i risultati dell’indagine condotta dall’Azienda di Mobilità Romagnola (Amrr) sul grado di soddisfazione dei clienti utilizzatori dei servizi estivi di trasporto pubblico locale attraverso interviste condotte a bordo dei mezzi pubblici su un campione di 1.550 viaggiatori (400 a Cesenatico, 500 per la costa ravennate, 650 per la costa riminese). Le interviste sono state effettuate tra i clienti paganti di età superiore a 14 anni nel periodo 8-20 luglio.

Punti deboli per Cesenatico sono risultati essere la presenza e il comfort delle fermate, la chiarezza e la completezza delle informazioni alle fermate, l’utilizzo dei mezzi a basso impatto ambientale e più ancora la rumorosità. Si conferma l’ampia presenza di italiani e di residenti nel territorio. Nei servizi urbani di Cesenatico si osserva la percentuale più alta di stranieri residenti in Paesi Ue (19,5%). Riguardo all’età, nel riminese si ha la più alta presenza di pensionati, a Cesenatico quella di occupati. L’utilizzo dei servizi è prevalentemente settimanale. Gli utenti non residenti si spostano prevalentemente per ragioni di svago e tempo libero. L’utilizzo del trasporto pubblico legato al raggiungimento del posto di lavoro oscilla tra il 5,6% di Cesenatico (dove è il più basso) e il 21,8% della Costa ravennate. Si osserva un utilizzo diffuso del biglietto di corsa semplice. Un buon livello di utilizzo del trasporto pubblico si conferma in tutte le fasce orarie, comprese quelle serali fra le 20 e l’1, soprattutto a Cesenatico e nel Ravennate.

Gli intervistati hanno attribuito voti superiori la sufficienza nel 88% dei casi nel territorio di Cesenatico, nel 90,3% dei casi nel Riminese e 99,6% nel Ravennate-Cervese. Le insufficienze sono sulle problematiche ambientali, in misura più marcata sulla costa cesenaticense. Rispetto al 2019 c’è un peggioramento sui servizi nel territorio di Cesenatico e nel Ravennate, in miglioramento su Rimini.

L’approfondimento sulla percezione dei servizi di trasporto pubblico in relazione all’emergenza da Covid-19 ha dimostrato che la confidenza verso il mezzo pubblico durante l’estate 2021 è cresciuta rispetto al periodo autunnale 2020. Una percentuale di utenti compresa tra il 64 e il 79,8% rivela di utilizzare i servizi come in epoca precedente al Covid. Solo il 56% di utilizzatori dei servizi sul territorio, però, risulta essere a conoscenza delle campagne di sensibilizzazione sull’uso delle mascherine, dell’informativa alle fermate (40%) e della sanificazione dei mezzi (36%). La sicurezza a bordo e nelle aree di attesa è giudicata insufficiente solo sui servizi extraurbani di Rimini (5,4 ) e urbani di Cesenatico (5,9 ); il valore migliore è rilevato nei servizi urbani di Cervia (7,2).

Commenti

Lascia un commento

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui