Napoleone e San Marino: la mostra dal 18 marzo

Si terrà venerdì 18 marzo alle 14.30 alla Pinacoteca San Francesco l’inaugurazione della mostra-evento che celebra il bicentenario della morte di Napoleone dal titolo Napoleone, la Repubblica, le Repubbliche (1797-1805). I rapporti tra San Marino, Bonaparte e le Repubbliche sorelle.
A cura dell’Archivio di Stato, rientra a pieno titolo nel programma di appuntamenti del Comitato per il Bicentenario napoleonico italiano (1821-2021), presieduto da Luigi Mascilli Migliorini, che il 19 marzo alle 10, al teatro Titano, terrà una lectio magistralis per gli studenti delle scuole superiori.
La mostra, che riunisce una selezione di documenti, opere d’arte, materiale librario, armi antiche, valori filatelici e numismatici, ripercorre il passaggio napoleonico in Italia e le relazioni intrattenute da Bonaparte con la Repubblica di San Marino. Un itinerario ideale che collega le figure di Napoleone, Antonio Canova e Antonio Onofri. Diversi gli approfondimenti che arricchiranno i percorso, dagli excursus sul patrimonio medaglistico e monetario dell’epoca e sulle origini della bandiera sammarinese, agli approfondimenti su Canova, di cui Napoleone fu uno dei principali committenti, e su Onofri, politico e diplomatico sammarinese, unico a essersi fregiato del titolo di “padre della patria”. Tra la fine del 1700 e l’inizio del 1800 su tutto il territorio italiano erano nate repubbliche animate dai valori e dagli ideali provenienti dalla Francia del tempo. La Repubblica di San Marino, fino a quel momento abituata a interloquire prevalentemente con lo Stato della Chiesa, a partire dal 1797 dovette aprirsi al dialogo anche con queste nuove repubbliche e fu fondamentale l’operato di Onofri, che riuscì, grazie alla sua prudenza, a guidare la politica estera sammarinese in quegli anni difficili.
Promossa dalla Segreteria di Stato per l’Istruzione e la Cultura e dalla Segreteria di Stato per il Turismo insieme agli Istituti Culturali, questa sarà la prima di una serie di grandi mostre che San Marino ha in programma per questa stagione. «È una mostra molto interessante non solo per la realtà sammarinese. È un’ennesima testimonianza del valore che l’Archivio di Stato contiene». dice il direttore degli Istituti Culturali, Paolo Rondelli. «Ha un interesse di valore inestimabile, merita di essere visitata e non solo dai cittadini sammarinesi» aggiunge Filippo Francini, direttore del Dipartimento Turismo e Cultura.
Info: 0549 885132

Commenti

Lascia un commento

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui