Sui muri di Dozza le “Emozioni Urbane” della nuova biennale

Sui muri di Dozza le “Emozioni Urbane” della nuova biennale
I lavori in preparazione della nuova edizione della Biennale del Muro Dipinto a Dozza (foto mmph)

DOZZA. Fino al 15 settembre Dozza ospiterà la XXVII Biennale del Muro Dipinto dal suggestivo titolo “Emozioni Urbane”. Il “museo a cielo aperto” , così viene anche chiamata Dozza, ospiterà come di consueto negli anni dispari la manifestazione d’arte con l’intento di raccontare la propria storia attraverso le pennellate che colorano e caratterizzano i suoi muri. «Abbiamo sedimentato ormai nel Dna della popolazione di Dozza il Muro dipinto», spiega il sindaco Luca Albertazzi. Gli artisti che in questa edizione (la terza sotto l’attuale amministrazione) saranno protagonisti della Biennale, lavorando sotto lo sguardo attento e curioso di tutti coloro che avranno il piacere di assistervi, sono cinque. Largo quindi all’estro di Luigi Allegri Nottari, Giovanni Fabbri, Flavio Favelli, Ferrante Giovannini, Alberto Goglio, ai quali si aggiunge la designer Roberta Luppi che in occasione della presentazione alla stampa dell’evento ha svelato la sua opera, una scultura di carattere funzionale posta all’ingresso della Rocca e denominata Marea. «Amo particolarmente il dietro le quinte. Invito dunque a vedere come nascono le opere e la loro realizzazione, giorno dopo giorno», racconta Ivan Cavini, consigliere comunale con delega all’arte e alla creatività.

Tanti gli eventi in cartellone, anticipati dalle mostre già attive all’interno della Rocca, ci sarà “Muri d’Autore. Gerardo Masini da Dozza a Dakar” e “Nuove Trame-Identità di vecchi pluviali” dedicata a Gino Gamberini.
«Il mese di settembre è molto impegnativo. La più grande soddisfazione per noi è quella di far vivere il borgo sotto la luce dell’arte», afferma Simonetta Mingazzini, presidente della Fondazione Dozza Città d’Arte. Chiarisce le motivazioni dietro la scelta del titolo della Biennale di questa edizione, Emozioni Urbane, Francesca Grandi, consigliera della Fondazione Dozza Città d’Arte: «Vogliamo creare emozioni, regalare momenti magici ai visitatori». Tra gli appuntamenti in programma da segnalare “Luce ai Muri”, giovedì 12 alle 20.30, durante il quale gli artisti lavoreranno illuminati dalla luce delle stelle, l’esibizione del Mago Casanova venerdì 13, dal titolo “Incantesimi”, mentre sabato 14 alle 15 ci sarà il laboratorio per bambini, che potranno lasciarsi ispirare dai murales dozzesi per poi colorare i bozzetti che verranno loro affidati. Domenica 15 la mostra “Il muro a scatti nel piazzale della Rocca”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *