MotoGp, a ruba i biglietti per l’ultima gara di Valentino Rossi a Misano: ecco come acquistarli

La Festa gialla di domenica 19 settembre sarà l’appuntamento con cui i tifosi italiani e il Misano World Circuit saluteranno il campionissimo. Sono passate poche, pochissime ore dall’annuncio del ritiro di Valentino Rossi, ma immediatamente gli appassionati hanno reagito. Sono stati tantissimi gli appassionati che ieri hanno acquistato i biglietti del prossimo gran premio di MotoGp che andrà in scena nel Mwc “Marco Simoncelli” (qui il link per la prevendita) ed anche gli organizzatori e le autorità locali si stanno muovendo.
«La reazione al botteghino c’è stata – conferma Andrea Albani, direttore dell’impianto – ed è anche di una certa importanza, sebbene non siamo ancora in grado di quantificarla con esattezza. Tanti vogliono essere presenti all’ultima gara di Vale a Misano. Anche noi vogliamo rendere questo appuntamento speciale. Avremo 23mila posti a sedere ogni giorno, ma non è escluso che si possa alzare ancora questa soglia, se restiamo bianchi. Sappiamo che è al vaglio delle autorità un nuovo regolamento per gli stadi che potrebbe essere applicato anche a noi. Per la celebrazione avevamo già incontrato i vertici del fan club di Rossi per pensare ad aventi sia nel caso che avesse deciso di continuare che in quello contrario. Ora possiamo rivederci per mettere tutto a punto. Vogliamo proporre un evento gioioso, senza alcuna negatività. È chiaro che avremmo voluto vedere Vale in pista ancora, ma deve fare ciò che si sente, poi sappiamo che non ci lascerà mai. Vedremo cosa organizzare anche con le città che partecipano all’organizzazione del gp».
Da alcuni anni, infatti, il gran premio che si corre a Misano Adriatico è diventato la punta di diamante di una serie di iniziative raccolte nella “Rider’s Land”, un progetto di valorizzazione territoriale. «Valentino è stato il primo ed importante tassello di questo progetto – racconta Albani – che si è evoluto coinvolgendo l’Academy Vr46, poi il Gresini Racing, il Sic 58 e la Federazione motociclistica italiana. Rossi ha rappresentato tanto e continuerà a farlo grazie al suo team ed alla sua scuola di giovani talenti».
Il legame fra il campionissimo di Tavullia e il circuito romagnolo è forte. «Il primo anno di MotoGp nel 2007 totalizzammo 70mila presenze nel fine settimana e ci sembravano moltissimo. Poi quando Vale vinse i titoli salimmo a 90mila, confermate per tanti edizioni. Nel 2014, quando Rossi centrò la vittoria, aprendo la sua seconda vita sportiva, superammo le 140 mila».

Commenti

Lascia un commento

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui