MotoGp, ora l’Aprilia mette fretta a Dovizioso VIDEO

Andrea Dovizioso lavora sodo nei panni del collaudatore, ma nulla trapela del futuro. Il forlivese ha compiuto 78 e 48 giri nelle due giornate di test concluse ieri al “Marco Simoncelli”. Andrea ha girato con gli altri collaudatori Dani Pedrosa (Ktm), Sylvain Guintoli (Suzuki), Stefan Bradl (Honda) e Michele Pirro (Ducati), oltre che con Micheal Ruben Rinaldi, in pista con la sua Panigale V4 Superbike in versione carena nera.

«È stato un test molto interessante – ha spiegato Dovi per il quale non sono stati forniti rilevamenti cronometrici – provare su un terzo diverso circuito è stato molto importante per comprendere al meglio la moto e capire i punti da sviluppare. Abbiamo provato e cambiato molte cose per permetterci di capire meglio tanti dettagli che abbiamo colto con maggior precisione. Con i prossimi test potremo fare ulteriori comparazioni e confrontare meglio le idee».

A quali idee si riferisca, non è dato sapere. «Sono stati due giorni molto positivi – gli fa eco Massimo Rivola, direttore del team – questa attività continuerà come da programma a luglio. Andrea si è confermato un gran pilota in termini di sensibilità e comprensione del comportamento della moto. Aprilia Racing si sta muovendo per trovare la soluzione migliore sui piloti da schierare nel 2022, senza dover attendere l’esito dei prossimi test di luglio». Traducendo, in pratica Dovi dovrà decidere presto, altrimenti Aprilia batterà altre strade.

Commenti

Lascia un commento

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui