MotoGp, Gp di Thailandia: ultima chiamata per Enea Bastianini

Enea Bastianini, Aleix Espargaro e Pecco Bagnaia provano a riprendere l’inseguimento a Fabio Quartararo, mentre Danilo Petrucci torna nel gruppo della MotoGp. Il pilota di Terni, secondo assoluto nel campionato Superbike statunitense con la Ducati, è stato chiamato a sostituire l’infortunato Joan Mir in Suzuki. Sarà un piacere rivedere Petrux, tra l’altro molto amato dal pubblico. Sulla Honda Lcr, al posto di Takaaki Nakagami ancora dolorante alla mano, troveremo, invece Tetsuya Nakashima.

Sarà ancora sinfonia Ducati?

Tornando alla lotta per il titolo, Quartararo ha lasciato Motegi con un vantaggio aumentato sugli inseguitori, ma la sua M1 è apparsa distante da Ducati, Aprilia e Ktm. La rossa ha vinto con Jack Miller, piazzando Jorge Martin al terzo posto e Luca Marini al 5°. Ma sia Bastianini, solo 9°, che Bagnaia, caduto all’ultimo giro, hanno mostrato poca lucidità sin dalle prove, e hanno perso tempo in un lungo “derby” fra loro.

«Credo che la pista thailandese possa essere buona per la Ducati e spero che il tempo possa migliorare – ha spiegato Enea che ha sorvolato sulle polemiche in merito al gioco di squadra di Ducati – perchè in questi giorni sta piovendo tantissimo. Questa sarà una parte cruciale del fine settimana, altrimenti tutto il week-end, gara compresa, sarà molto complicato. Il tracciato per me è nuovo con la MotoGp e dovrò cercare di imparare in fretta. Fortunatamente non sarà come in Giappone e avrò più turni per capire il tutto».

La lotta per il titolo? «Devo per forza recuperare punti. Vediamo comunque come saremo dopo le prime prove. Sono comunque fiducioso anche ripensando al Giappone: è vero, non ho ottenuto il risultato che speravo, ma partendo da dietro non è stato facile».

Bagnaia ha “digerito” l’errore della sua caduta e si è detto pronto a riattaccare Quartararo che lo precede di 18 punti. Anche Aleix Espargaro ha lasciato Motegi poco soddisfatto: qualche tecnico Aprilia ha lasciato inserita la mappa di risparmio della benzina che non permettere alla RsGp di sviluppare tutta la sua potenza. Lo spagnolo l’ha capito nel giro di ricognizione, ha cambiato moto, ma problemi di gomme non gli hanno permesso di recuperare più del 16° posto finale.

Sarà una pista nuova anche per Marco Bezzecchi, ma il riminese punta a entrare nei primi dieci, come del resto sta facendo con una certa costanza. «Ho imparato molto, continuerò a fare esperienza anche in Thailandia, un tracciato particolare e dove le temperature saranno cruciali in ottica gara. Sfruttiamo al meglio le libere, affrontiamo la qualifica e prepariamoci ad un long run impegnativo anche dal punto di vista fisico».

IL PROGRAMMA

MotoGp, la gara domenica mattina alle 10

Le prove libere sono scattate nella notte: alle 4 via alle Fp1 della Moto3, alle 4.55 la Moto2, alle 5.50 la MotoGp. In mattinata le Fp2: alle 8.15 la Moto3, alle 9.10 la Moto2, alle 10.05 la MotoGp.

Stesso copione per domani: nella notte via alle Fp3: alle 4 la Moto3, alle 4.55 la Moto2, alle 5.50 la MotoGp. Di prima mattina le qualifiche: alle 7.35 la Moto3, alle 8.30 la Moto2, poi alle 9.25 Fp4 MotoGp e alle 10.05 le qualifiche.

Domenica dalle 5 i tre warm-up, poi le gare: alle 7 Moto3, alle 8.20 Moto2 e alle 10 la MotoGp.

Commenti

Lascia un commento

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui