MotoGp, Gp Comunità Valenciana: Bagnaia per la storia, Bastianini per il 3° posto nel Mondiale piloti

Pecco Bagnaia deve tirare un calcio di rigore che non può sbagliare in quella Valencia che non ha mai portato troppo bene al suo mentore Valentino Rossi. Il piemontese della Ducati ha 23 punti di vantaggio sul campione in carica Fabio Quartararo che a sua volta è a +23 su Aleix Espargaro e +24 su Enea Bastianini. Più indietro Jack Miller, a -23 dallo spagnolo di Aprilia e potrebbe raggiungere il podio iridato, se chi lo precede raccoglie zero punti e lui però deve vincere il Gp.

Bagnaia non vince il titolo solo se succede un mezzo disastro: se arriva 14° è campione, ma lo è anche se Fabio non vince. Tra l’altro El Diablo dovrebbe tornare sul gradino più alto del podio e la sua M1 al momento non sembra poterlo supportare in questo.

Pecco potrebbe essere il primo italiano iridato in MotoGp dopo Vale nel 2009 e il primo con un mezzo italiano, dopo Giacomo Agostini con MvAgusta 50 anni fa.

Bastianini ci crede

Il riminese crede nel podio iridato. Le possibilità sono due: finisce davanti a Espargaro, oppure molto più difficile, vince la gara e Quartararo non prende punti. Bastianini crede nella possibilità di vincere la sua quinta gara di questa stagione incredibile in sella a una GP21 del Gresini Racing. Con un mezzo satellite vecchio di un anno, il riminese si è giocato il mondiale, centrando quattro vittorie. «Sarà la mia ultima gara con il team Gresini – afferma sintetico Enea – e cercherò di onorarla al meglio. Sarà una gara complicata con tanti piloti competitivi. Arrivo da un buon periodo e conosco il mio potenziale, quindi proverò a conquistare il terzo posto nel mondiale». Aprilia e Espargaro non appaiono in grado di impensierire l’armata Ducati, ma chissà che l’aria di casa non faccia bene ad Aleix.

Punta a chiudere con una gran prestazione anche Marco Bezzecchi, miglior rookie 2022, già capace di salire anche sul podio, sempre con una GP21 del Mooney Vr46. «Voglio chiudere al meglio la stagione: negli ultimi due Gp sono andato forte. C’è da dire che Valencia è una pista completamente diversa, anche il clima sarà differente, ma si può far bene. Ho centrato l’obiettivo di “Rookie of the Year”, il podio e domenica sarò al Gala prima di buttarmi a capofitto nel 2023 con il test di martedì».

Commenti

Lascia un commento

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui