MODENA – Andrea Dovizioso è stato dimesso questa mattina dopo l’intervento chirurgico alla spalla sinistra effettuato dal professor Porcellini necessario per ridurre la frattura alla clavicola che si era procurato ieri cadendo sul circuito dei Monti Coralli durante la sua prima gara ufficiale di motocross. Il forlivese della Ducati dovrebbe riuscire a tornare in moto tra una decina di giorni e, a detta del suo manager Battistella, sarà regolarmente al via del mondiale di MotoGp previsto il 19 luglio a Jerez de la Frontera per il Gp di Spagna. Ai microfoni di Sky, il professor Giuseppe Porcellini, che ha operato Dovizioso a Modena, ha spiegato l’intervento, che è stato più complesso del previsto: “Dovizioso si è presentato con una frattura scomposta dell’esterno sternale della clavicola, quindi un pochino più complessa di quanto prospettato. L’abbiamo ridotta e abbiamo messo una placca per stabilizzarla. Adesso sarà un veloce lavoro per tornare subito in moto. Dal punto di vista clinico le condizioni sono ottime. Se sarà regolarmente al via della stagione il 19 luglio? La medicina non è una scienza esatta, però sono molto ottimista e credo che ce la farà: in fondo, l’altra volta, mi diceva Andrea in sala operatoria prima dell’intervento, è tornato a gareggiare in 21 giorni. I motocicilsti hanno qualcosa in più, è gente che sopporta il dolore”. Intanto con il fisioterapista Fabrizio Borra è stato stilato un programma per il recupero che inizierà tra un paio di giorni a Forlì.

Argomenti:

clavicola

dovizioso

ducati

motocross

MotoGp

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *