MotoGp, Bezzecchi alla corte di Valentino: “Che bella squadra”

Sale in teatro anche il Mooney Vr46 per presentare la stagione 2022. Il “Piccinini” di Pesaro è lo scenario deciso dalla squadra di Valentino Rossi per togliere il velo sulle grafiche del team MotoGp e Moto2: carene nere colorate di giallo e arancio in onore dello sponsor.

Quattro i piloti protagonisti: Luca Marini e Marco Bezzecchi per la sfida più prestigiosa, e Celestino Vietti e Niccolò Antonelli per quella della classe di mezzo. Anche Yamaha With You di Andrea Dovizioso e Darryn Binder e Aprilia Racing con la coppia Mav e Aleix affiancati da Lorenzo Savadori come collaudatore, avevano scelto i palcoscenici dei teatri di Verona e Treviso.

Il video della festa di ieri parte con una scena in cui Bezz e Maro vanno alla ricerca di Nicco e Celestino e li trovano nel “Piccinini”. A presentare Dj Albertino affiancato da Vic. Saluti di Alessio “Uccio” Salucci e Alberto Tebaldi dirigente commerciale, poi palla ai rappresentanti dello sponsor, Emilio Petrone e Salvatore Borgese, quindi Valentino Rossi in veste di patron.

«È stata una lunga strada partendo dalla Moto3, ma ora siamo pronti a esordire in MotoGp con un Team targato VR46 e quattro giovani piloti che so daranno il massimo. È la chiusura di un cerchio per me e anche per tutte le persone che in questi anni hanno lavorato con tanta passione a questo progetto. Allo stesso tempo è un grande debutto, speriamo l’inizio di un nuovo cerchio e di un nuovo capitolo di questa bella storia in MotoGp. Siamo qui grazie anche al supporto di tutti i nostri partner e sono contento di dare il benvenuto a Mooney: ci siamo incontrati al Ranch, c’è stato subito feeling e ora ci ritroviamo qui su questo palco con queste bellissime moto con i nostri colori».

Luca Brivio, che guida il box Moto2, ha presentato Celestino Vietti e Niccolò. Il primo è atteso alla lotta al vertice, il romagnolo, che ieri ha compiuto gli anni, deve fare esperienza. «È un passaggio bello grosso, le moto cambiano tanto – racconta Antonelli – devo togliermi un po’ di automatismi Moto3 e spero di riuscirci al più presto con l’aiuto della squadra. Non so quanto impiegherò. Abbiamo lavorato sodo nei test per arrivare quanto più possibile pronti alla prima gara in Qatar. C’è tanto da fare, ma senza fretta. Continuiamo in questa direzione, in maniera graduale».

Bezz arriva con Pablo Nieto, direttore del box MotoGp e Marini. «È stata una lunga attesa e la carica di adrenalina è tanta – commenta Marco -. Sono contento dei test, ho ancora tanto da fare, ho fatto una sola simulazione di gara e i primi Gp saranno impegnativi. La squadra mi piace e il clima è buono. Il titolo di Rookie dell’anno è un grande obiettivo, mi piacerebbe lottare fino alla fine».

Commenti

Lascia un commento

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui