MotoGp, Bastianini: “Non ho il contratto, penso al presente”

Fabio Quartararo arriva a Barcellona firmando un biennale con Yamaha. Dopo tanti dubbi, il francese, ha deciso di continuare con il suo attuale team. «Yamaha mi ha convinto portando in squadra i tecnici che servono per migliorare. Ormai lo hanno capito tutti: ci serve più potenza» ha spiegato El diablo durante la conferenza stampa di presentazione di questo Gp. A Barcellona, nelle ultime stagioni, ha centrato tre pole e due vittorie, anche se lo scorso anno ha vinto Miguel Oliveira con la Ktm.
Al fianco del francese c’erano Pecco Bagnaia, Aleix Espargaro ed Enea Bastianini. Sono i piloti che hanno vinto finora e che sono nel poker che si gioca la vittoria del mondiale.
Carico Enea che è l’unico dei quattro a non avere un contratto per il 2023-’24. «Lo so – spiega Bestia – ma non è un problema. Il mio futuro sarà quasi sicuramente in Ducati e avrò un mezzo competitivo come quest’anno. Montmelò è una buona pista per me: veloce e molto tecnica. Non sono reduce da una bella gara al Mugello perché sono caduto. Voglio iniziare al meglio qui. Lo scorso anno è stata complicata per me: il grip dell’asfalto è poco e non va bene per il mio stile. Dovrò essere più costante. Ho fatto gare molto positive (quelle delle tre vittorie, ndr) e altre non altrettanto, come Portimao e domenica scorsa al Mugello».
Purtroppo sono state sei le cadute rimediate dal riminese del Gresini Racing fra Le Mans e il Mugello: troppe. «Devo ritrovare fiducia all’anteriore, soprattutto in ingresso di curva. Non l’ho più e devo capire perché».
Pecco arriva in Spagna sull’onda della vittoria italiana che lo ha caricato molto, mentre Aleix ormai è sicuro di sé stesso e della sua Aprilia. Mancherà Marc Marquez, volato nella Maio Clinic del Minnesota per operarsi nuovamente al braccio destro martoriato e provare a rilanciare la propria carriera. Sarà sostituito dal collaudatore Stefan Bradl, promosso titolare. Vedremo con i quattro anche gli altri tre piloti Ducati, Miller, Zarco e Martin, le Suzuki di Rins e Mir, oltre a qualche sorpresa.
Marco Bezzecchi ha stupito in Italia e potrebbe concedere il bis, mentre più complesso aspettarsi una doppietta catalana di Oliveira. “Bezz” è stato fantastico al Mugello e vedremo in Spagna se quel risultato sarà replicato anche lontano da casa. Attendiamo anche Andrea Dovizioso. Al Mugello al forlivese, tutto è andato storto. Deve riuscire a cancellare quanto fatto finora e pensare solo a spingere. Il suo livello è molto più alto di quello mostrato in queste prime otto gare.

Commenti

Lascia un commento

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui