MotoGp, Bastianini felice: “Gresini da lassù sarà contento di me”

Enea Bastianini si lecca i baffi dopo aver assaggiato la Ducati Gp21 e sogna in grande, mentre Andrea Dovizioso e Marco Bezzecchi iniziano con calma il loro lavoro alla scoperta rispettivamente della M1 ufficiale e della MotoGP, e Lorenzo Savadori macina giri con l’Aprilia del test team.

E’ Takaaki Nakagami il più rapido nel primo giorno di test a Jerez in 1’37”313, davanti alle Ducati di Zarco e di un raggiante Bastianini. Per il riminese, approdato al Gresini Racing, un 1’37”402, che lo pone davanti a Bagnaia, Viñales, Rins, un tonico Morbidelli e Miller. «Sembro essere davanti anche nelle prove e nei test – sorride a fine giornata – è una cosa positiva e sono molto contento. Abbiamo fatto un po’ di giri e rispetto alla moto dell’anno scorso c’è parecchia differenza. La cosa principale è che la mia si muoveva veramente tanto e questa meno: mi consente di concentrarmi di più sulla guida. Ho già capito un po’ di cose. E’ un mezzo che ha davvero tanto potenziale. Oltre ad essere più stabile sia in accelerazione che in frenata è un pelo più veloce. Il team è fantastico e sono sicuro che Fausto Gresini ci sta guardando da lassù e sarà felice di questo esordio».

Quartararo è 9° in 1’38”020. Per capire quanto i piloti stiano spingendo, basti ricordare che nell’ultimo gp corso qui il miglior crono nella Fp2 fu di Bagnaia in 1’37”209, il migliore nella Fp3 proprio Nakagami in 1’36”985, mentre in questo stesso turno Savadori e Bastianini avevano rispettivamente girato in 1’37”814 e 1’37”913. Andrea Dovizioso ha il 18° crono in 1’38”598, davanti al migliore dei rookie, Raul Fernandez, e al primo dei collaudatori, Mika Kallio, entrambi su Ktm. Il forlivese è partito con calma alla scoperta della nuova arma per il 2022: quella M1 che dovrebbe riportarlo nella lotta per il vertice. Il più rapido dei piloti della Ktm è Brad Binder, 10°, con Oliveira 17°. Al debutto colpisce Fabio Di Giannantonio, sempre del Gresini, al 22°. Savadori è 23° in 1’39”727 dopo 34 giri. Lui e gli altri collaudatori sono al terzo giorno di test. Primi chilometri anche per Marco Bezzecchi, che stampa un 1’40”732 e compie 53 passaggi: «Che giornata unica. La Gp21 è davvero velocissima. Sono partito piano, passo dopo passo, per capire al meglio la moto. È stato emozionante, impressionante e molto speciale. È il primo test, non abbiamo obiettivi cronometrici solo trovare la miglior posizione alla guida e iniziare a prendere confidenza con potenza, freno motore e telaio».

Commenti

Lascia un commento

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui