MotoGp, Bagnaia trionfa a Jerez, Bastianini ottavo davanti a Bezzecchi

Pecco Bagnaia inizia da Jerez il suo 2022 e ora rincorre nel mondiale i 4 piloti che lo precedono (Quartararo, Aleix Espargaro, Enea Bastianini e Alex Rins). “Gofree” dimentica il dolore alla spalla per la caduta rimediata a Portimao e porta a casa il suo fine settimana perfetto: pole position, giro veloce in gara, sempre al comando e vittoria. Non era semplice, visto che Fabio Quartararo, che qui è sempre stato un missile, lo ha tallonato tutta la gara, senza mai mollare nulla. Avere l’ombra blù della Yamaha del francese dietro la schiena non ha mandato in crisi Pecco. I due erano attesi alla lotta al coltello per il titolo 2022, superiori a tutti gli altri: qui a Jerez lo hanno dimostrato! Grande fine settimana anche per Marco Bezzecchi che chiude 9°, perdendo all’ultimo giro il duello con Enea Bastianini, e si conferma miglior rookie.. <Sono molto contento – commenta Bez – siamo stati bravi tutti. Siamo partiti forte da venerdì. Oggi mi sono divertito. Peccato perdere la posizione con Enea, ma alla fine ci può stare>.

Arrabbiato Enea: <E’ stato complicato perché non siamo mai stati troppo veloci. Me ne sono accorto subito venerdì che non mi trovavo con la gomma da gara e non sentivo la moto mia. La sensazione non è cambiata e abbiamo corso in difesa, per prendere punti e non perderne troppi, specialmente dopo la caduta di Portimao, dove credo che avrei potuto fare bene. Oggi c’è poco da ridere, ma domani (oggi ndr) ci sono i test e spero ci capiremo di più>.

Bellissimo il duello per il 3° vinto da Aleix, superando un Marc Marquez veramente combattivo e Jack Miller: due mastini. Dal 2023 Aprilia perderà tutte le concessioni che spettano a chi non ha ottenuto i risultati dei migliori: il marchio di Noale è definitivamente fra i grandi e il suo Aleix è 2° assoluto in classificaPoco distante dai tre Joan Mir, con una Suzuki che ha visto Alex Rins non riuscire nemmeno ad entrare fra i primi 15, solo 19° per lui: incredibile dopo Portimao era primo a pari merito con El Diablo. Andrea Dovizioso resta fuori e chiude 17° staccato fa Franco Morbidelli che si prende un punto e da Luca Marini, che lo precedono e che a Portimao aveva battuto. Per il forlivese questa gara è stata un calvario. Un buon 21° per Lorenzo Savadori che si è preso la soddisfazione di arrivare in scia a Remy Gardner, e di precede Jorge Martin, scivolato in avvio.  Il titolo appare un affare fra Quartararo e Bagnaia, come tutti ci aspettavamo ad inizio campionato, con un Aleix Espargaro che ha tutte le ragioni per crederci, e il poker Marc Marquez, Enea Bastianini e la coppia Suzuki Rins-Mir che non vuole mollare.

Commenti

Lascia un commento

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui