MotoE, Zaccone: «Ho vinto con la strategia giusta»

È bastato un fine settimana perché il mondo si accorgesse di Alessandro Zaccone. Il pilota di Saludecio è il secondo italiano ad aver vinto in MotoE con la Pramac. Un grande risultato arrivato non per caso, ma lottando con i migliori fin dalle prove del venerdì, anzi dai test pre-campionato.

Adesso tanti appassionati si sono accorti di questo biondino tutta grinta, che spesso si è fatto vedere nelle posizioni che contano nel mondiale Supersport, nel campionato italiano velocità, nel campionato spagnolo Moto2 e in qualche occasione anche in MotoE, nella scorsa stagione corsa nel Gresini Racing.

Quest’anno è stato fra i più veloci fin dai test pre-campionato. Cosa è cambiato?

«Con il Pramac mi son trovato subito a mio agio e siamo partiti forte già nei test. L’infortunio dello scorso anno mi aveva penalizzato tanto. Forse mi hanno aiutato anche la nuova forcella e la nuova gomma che sono state introdotte in questa stagione».

In gara è stato splendido, riuscendo a gestire alle sue spalle la pressione di due piloti forti ed esperti come Aegerter e Torres, che è campione del mondo in carica. È stata dura?

«Riuscire a stare per cinque giri davanti a loro non è stato semplice. Negli ultimi due mi aspettavo un attacco di Aegerter ed ho spinto forte cercando di evitarlo. Sono rimasto un po’ sorpreso perché il tentativo di sorpasso non è arrivato: devo aver usato una buona strategia. Ho avuto anche un pizzico di fortuna, ma credo di essermela meritata».

Commenti

Lascia un commento

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui