Motociclismo, Andrea Dovizioso e la nuova vita nel cross: “Che bella esperienza” – Ascolta l’audio

Andrea Dovizioso ha provato a giocare a motocross con i grandi del campionato italiano. L’asso forlivese della MotoGp, in questo suo strano 2021 di pausa, si è messo ai cancelletti del campionato italiano Prestige, andato in scena al crossodromo Cavallara di Mondavio. Per spiegarci, nella Mx1 è sceso nel fango il pluricampione mondiale Tony Cairoli (Ktm). Il siciliano, dopo aver vinto gara1 Mx1 davanti ad Alessandro Lupino (Ktm) e a David Philippaerts (Yamaha), ha scelto di fermarsi a causa di una ferita ad un palmo di una mano, rimediata a casa propria. Nella seconda successo di Lupino, che ha preceduto De Bortoli (Honda) e Furbetta (Ktm). Dovi ha gareggiato nella Mx2, conclusa con la doppieta di Nicholas Lapucci (Fantic): nella prima davanti a Kevin Horgmo e al predappiese Alessandro Manucci (Gas Gas); e nella seconda di nuovo davanti alla Gas Gas di Horgmo e alla Ktm di Jan Pancar, con Manucci 5° e primo assoluto nella categoria Fast. Presente anche il sammarinese Andrea Zanotti (Kawasaki), 8° e 35°. Per Dovizioso, invece, un 34° e un 29° posto, con il 15° assoluto nella Fast: ottimi risultati per un amatore.
Da segnalare nella Mx1 la bella prova del faentino Marco Lolli (Yamaha), capace di chiudere 11° gara1 e 29° gara2 dopo un contatto al via con Philippaerts.


La gioia di Dovi


«E’ stata una bellissima esperienza – racconta felice Andrea – per quello che sto facendo quest’anno, mi sto allenando per cercare di migliorare. In realtà il mio livello non è per l’italiano ma volevo provare questa competizione perché c’è un’organizzazione diversa, piste preparate diversamente e piloti con più esperienza. E’ stato difficile, nelle libere della mattina ero a 11” dal primo, nel secondo turno sono riuscito ad adattarmi meglio ed il mio distacco è sceso a 5”. Sono riuscito ad entrare nei 40 del gruppo A: non me l’aspettavo. Nella mia categoria eravamo 90 piloti. Nelle gare della domenica, purtroppo, sono partito indietro 37° al cancello e in quella posizione non riesci a prepararti bene la terra sotto le gomme, che è molto importante. Sono partito sempre male, ma non è stato quello a contare: ho fatto la mia esperienza là di dietro. Sono stato 34° (un numero nel destino di Dovi visto che lo hanno portato a lungo in gara sia lui che il padre, ndr) in gara1 e 29° in gara 2, che poi non è così male, dato che non pensavo nemmeno di entrare nel gruppo A».
Chi sogna di rivederlo in pista con l’Aprilia RsGp può sperare sentendo gli ultimi pensieri del campione: «E’ stata una bella esperienza e forse ne farò altre. Ci sono altre due gare. E’ stato bello passare del tempo con piloti che fanno il motocross di professione: vedi il loro modo di guidare. Poi è bello fare tre giorni in una pista: arrivi con il tuo camper, hai i tuoi posti e i tuoi tempi precisi, proprio come avevo in MotoGp». Che sia un po’ di nostalgia? Speriamo..

Commenti

Lascia un commento

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui