Moto3 Gp di Doha, Antonelli soffia il podio a Migno

Pedro Acosta inizia a consacrare la storia di un grande campione, vincendo la Moto3 a 16 anni, nel giorno in cui Niccolò Antonelli soffia il terzo gradino del podio ad Andrea Migno proprio sotto la bandiera a scacchi. Il giovane spagnolo partiva addirittura dalla pit lane (era fra i sette piloti penalizzati per guida irresponsabile nella Fp2) e ha fatto una gara da incorniciare. Un vero ciclone, il 4° più giovane vincitore di sempre nel mondiale, un grande risultato dopo il 2° posto di una settimana fa, alla seconda gara iridata della sua carriera. “E’ un predestinato ad essere un campione”, ha spiegato Migno. Il Mig di Saludecio è stato splendido: ha guidato il gruppo, lottato con il coltello fra i denti e perso il podio sotto la bandiera a scacchi a causa di un “Nelli” in versione tigre, terzo con la Ktm Esponsorama. Secondo gradino per Darryn Binder, con McPHee finito a terra a causa di Alcoba (Gresini Racing). Suzuki con la Honda Sic 58 chiude 12° davanti a Rodrigo altro alfiere del Gresini. Lacrime di rabbia per Masia, vincitore domenica scorsa e solo 9° oggi.

Commenti

Lascia un commento

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui