Moto2, per Manzi un ottavo posto che fa ben sperare

Un buon Gran Premio ci voleva per Stefano Manzi. Il giovane romagnolo quest’anno è passato su una Kalex del team Pons con grandi aspettative. È sempre stato veloce con il telaio MvAgusta, nelle due stagioni precedenti e ora ha tutto ciò che serve per disputare un gran campionato in Moto2. Peccato che alla prima gara di Losail qualcosa non abbia funzionato e il riminese è arrivato nelle retrovie. Poi sabato scorsa ha messo tutto in ordine, è entrato in Q2, ha fatto una buona qualifica e domenica ha lottato per il 5° posto, chiudendo poi 8° a pochi secondi dai migliori.

“Mazingher”, come lo chiama Mattia Pasini in telecronaca, ricordando il popolare robot dei cartoni animati giapponesi di fine anni 70 “Mazinga Z”, può sorridere. È soddisfatto di questa seconda gara stagionale? «L’8° posto non è un gran risultato, vogliamo certamente di più, ma all’ultimo giro, alla curva 6, ho fatto un errore: mi è entrata la folle e ho perso tre posizioni. Però è certo che dopo il primo week-end di Losail, quando non aveva funzionato nulla, è stato comunque un Gp positivo».

Commenti

Lascia un commento

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui