MISANO ADRIATICO – Enea Bastianini si gode la vittoria nel Gran Premio di casa, senza preoccuparsi troppo delle polemiche. Il riminese era già salito 5 anni fa sul gradino più alto della Moto3 a Misano.

Bastianini, cosa prova nel confrontare questi due successi?

«La prima vittoria fu memorabile: era in assoluto la mia prima vittoria mondiale e ottenerla in casa fu una grande emozione. Domenica scorsa è stata una giornata bellissima: sono riuscito ad essere veloce in gara. Vincere davanti al proprio pubblico è speciale anche se questa volta i tifosi erano meno, è stato bellissimo».

Da Misano a Misano: in questi 5 anni, quanto si sente cambiato?

«Sicuramente sono cresciuto e maturato. Sono riuscito a migliorare il mio approccio alle corse. Mi alleno di più e ora non è più solo un gioco: il livello è talmente alto che per riuscire ad emergere bisogna mettere in fila tante cose».

Alla fine, Luca Marini è stato polemico nei confronti del suo sorpasso ad inizio gara: ha detto che lei è stato troppo aggressivo, cosa ne pensa?

«Lo accetto e capisco che si lamenti. È stato un sorpasso aggressivo, ma regolare: avevo bisogno di andare davanti e ho fatto quello che dovevo fare. Alla fine sono le corse. Era un momento chiave: io avevo le gomme morbide, lui no e sapevo che dovevo sfruttarle nei primi due giri. Con quel sorpasso siamo arrivati lunghi entrambi e Vierge ci ha ripassato, ma l’ho subito superato al curvone e sono andato via».

Questo è il primo anno in cui è davvero in lotta per un titolo mondiale, malgrado lei sia partito per diverse stagioni con il favore del pronostico in Moto3.

«Nel 2015 ero in lotta per diventare campione, mi è mancata dell’esperienza nelle ultime gare e da Aragon in poi le ho buttate via: per fare di più ho ottenuto meno. Adesso ho più esperienza e devo metterla in pratica».

La classifica sembra consacrare una lotta a tre: Bastianini, Marini e Bezzecchi.

«Siamo in tre… più in lotta degli altri. Credo che Martin e Lowes non staranno a guardare. Dobbiamo pensare gara per gara».

Quali sono le caratteristiche della coppia dello Sky Vr46?

«Di Marini temo la costanza ed il fatto che riesce ad essere veloce in ogni circuito. Bezzecchi è imprevedibile e molto veloce».

Per il 2021 ha firmato un contratto con Ducati: in quale team?

«Ho firmato con Ducati, mi fido di loro. Dove mi mettono va bene».

Per quanto riguarda, il compagno di squadra, vorrebbe un pilota esperto o un giovane come lei?

«Sicuramente un pilota con esperienza; sarebbe la soluzione più bella, anche se la vedo difficile».

Argomenti:

Bastianini

Gp Emilia Romagna e Riviera di Rimini

moto2

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *